Me

Pensioni Quota 41 | Come Funziona | Requisiti | Calcolo | Ultime Notizie

Come funziona e come si calcola Quota 41, la riforma che vuole attuare il governo Conte per superare la legge Fornero

Immagine di copertina

Pensioni Quota 41 | Come Funziona | Requisiti | Calcolo | Ultime Notizie

PENSIONI QUOTA 41 – Quota 41 rappresenta una delle ultime novità riguardanti la riforma che il governo intende portare avanti per superare la legge Fornero.

La proposta, presentata dal governo Conte sulla base del contratto di governo giallo-verde, ha alla base l’idea di ridurre il numero di contributi versati per l’accesso al pensionamento anticipato. Questi vengono fissati, indipendentemente dall’età anagrafica, in 41 anni, ma per attuare questo meccanismo fin da subito occorrerebbero risorse molto ampie.

Alberto Brambilla, esperto di previdenza molto vicino alla Lega, sostiene invece che le stime per le risorse per Quota 41 – come anche per Quota 100 – siano state “gonfiate”: secondo il suo parere infatti occorrerebbero per la riforma elle pensioni 5 miliardi e non 20 come ipotizzato dall’Inps.

> LEGGI QUI TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SULLE PENSIONI

Pensioni Quota 41 | Come funziona | Requisiti

La Quota 41 va sostanzialmente a ripristinare le condizioni che erano in vigore prima dell’introduzione della legge Fornero.

Se infatti fino al 2011 i lavoratori potevano accedere al pensionamento anticipato con 40 anni di contributi versati, in seguito questi sono stati aumentati a 43 anni e 6 mesi; l’obiettivo dell’esecutivo Lega-M5s è perciò quello di ripristinare le precedenti condizioni.

Con questo metodo quindi tutti i lavoratori, a prescindere dall’età anagrafica, possono prendere la pensione anticipata e tali assegni saranno soggetti – come di norma – all’adeguamento alle speranze di vita (con aumenti nella misura di tre mesi ogni due anni).

Inoltre dal 2019 Quota 41 diventa una misura estesa a tutti i lavoratori, mentre in precedenza (2018) essa era stata pensata e applicata solo ad alcune categorie.

Per quanto attiene infatti ai requisiti specifici, ad oggi Quota 41 è dedicata solo a:

  • chi può vantare almeno 12 mesi di contributi versati prima dei 19 anni di età
  • chi è iscritto alla previdenza da prima del 1996
  • chi è disoccupato e non percepisce da almeno tre mesi l’indennità di disoccupazione
  • chi presta cure e assistenza (caregivers) da almeno 6 mesi ad un familiare entro il II grado convivente con handicap grave
  • gli invalidi civili (oltre il 74%)
  • coloro che hanno svolto attività gravose e usuranti

Pensioni Quota 41 | Come si calcola

Basandosi sul numero di anni di contribuzione versata durante tutta l’attività lavorativa, il calcolo per Quota 41 non prende quindi in considerazione l’età anagrafica.

E’ possibile dunque presentare domanda – se davvero il governo riuscirà a modificare l’impianto di questo regime ed estenderlo a tutti i lavoratori – nel momento in cui la somma degli anni di contribuzione equivale a 41 e mezzo.

Nel calcolo possono essere inoltre inseriti anche due o tre anni di contributi detti figurativi, cioè accreditati al lavoratore – su richiesta o in automatico – in determinati periodi individuati dalla legge (ad esempio durante la cassa integrazione).