Me

Chi è Ludovica Nasti, l’attrice che interpreta Lila Cerullo bambina nella serie “L’Amica geniale”

Tutto quello che c'è da sapere sulla giovanissima interprete, scelta come co-protagonista nel film tratto dai romanzi di Elena Ferrante

Immagine di copertina

Ludovica Nasti | L’Amica geniale | Lila Cerullo | Bambina | Chi è | Storia | Biografia | Pozzuoli

Per ottenere il ruolo di Lila Cerullo da bambina nella serie di Rai 1 tratta dal primo romanzo della tetralogia “L’Amica Geniale” di Elena Ferrante, Ludovica Nasti ha dovuto affrontare diversi mesi di provini. Decine e decine di viaggi, da Napoli a Roma e ritorno.

Originaria di Pozzuoli, dove frequenta la scuola media, Ludovica non è un’attrice professionista, come richiesto in fase di selezione dalla stessa Ferrante, alla ricerca di una maggiore naturalezza nei suoi personaggi bambini.

Ludovica è una ragazzina vivace proprio come il personaggio che interpreta. Carnagione olivastra, occhi verdi, porta capelli neri molto lunghi.

> QUI: IL REGISTA DE L’AMICA GENIALE, SAVERIO COSTANZO

E sono proprio queste le prime sue caratteristiche che ha dovuto modificare per entrare nel ruolo: “Ho dovuto tagliare i miei capelli e indossare lentine marroni – ha spiegato lei stessa in un’intervista a Tv sorrisi e canzoni – ma almeno adesso assomiglio a mamma”.

> QUI TUTTO QUELLO CHE C’E’ DA SAPERE SU L’AMICA GENIALE

Ludovica Nasti: la sua storia

Ludovica, in casa, è l’ultima di tre figli. Il fratello e la sorella sono molto più grandi di lei. Prima dell’inizio della sua avventura nel mondo della recitazione, aveva fatto da modella per alcuni cataloghi.

Nel tempo libero, ama praticare sport. Oltre alla danza, gioca anche a calcio, di cui è una vera appassionata. Tifa (ovviamente) per il Napoli e dice di comprare spesso riviste calcistiche.

La mamma, che ha un’attività a Pozzuoli, su consiglio di alcuni amici decide di mandare le foto della bambina a un’agenzia di casting cinematografico. È così che Ludovica entra nel mondo de “L’Amica geniale”.

A dir la verità, però, per la piccola attrice non si tratta del primo ruolo in tv. Su Fox Life, infatti, ha partecipato a una delle edizioni del programma “Quattro mamme”.

Ludovica Nasti e la leucemia

In soli dodici anni di vita, la piccola Ludovica ha dovuto affrontare anche una grave malattia. Quando aveva solo quattro anni e mezzo, infatti, si è ammalata di leucemia.

Ma dopo cinque anni difficili, lei e la sua famiglia sono riusciti a vincere contro la malattia. E Ludovica, col suo solito entusiasmo, è tornata alla sua vita di tutti i giorni.

“Abbiamo sofferto e avuto paura, ma è stata proprio lei a darci coraggio: in ospedale era diventata la mascotte del reparto”, ha detto la madre Stefania in un’intervista rilasciata al settimanale Oggi.

Ludovica Nasti e l’impegno sul set

Non è stato dunque facile per questa bambina di Pozzuoli fare il grande salto nel mondo della recitazione. Oltre ai lunghi viaggi da Napoli a Roma, infatti, Ludovica ha dovuto anche imparare a recitare in napoletano. Dialetto che, nonostante le sue origini, dice di non parlare mai.

Per un breve periodo ha dovuto pure lasciare la scuola. Per questo, le è stato assegnato un professore privato, con cui faceva lezione ogni sera dopo le 18, al suo ritorno in albergo dopo una giornata di scene.

Ludovica Nasti e i suoi modelli cinematografici

Ludovica tiene molto a non essere solo una meteora del cinema: “Sto studiando anche inglese – ha rivelato nella sua intervista a Tv sorrisi e canzoni – perché se questa fiction va bene e ho l’opportunità di continuare, la lingua mi serve”.

Assieme alla mamma, appassionata di cinema, Ludovica Nasti guarda spesso alcuni film. Tra le sue attrici preferite ci sono Sophia Loren e Angelina Jolie.

L’Amica geniale: il trailer

L’Amica geniale: dove vedere la serie

La Rai ha annunciato che la serie in otto episodi si può vedere in tv su Rai 1 a partire dal 27 novembre 2018. Ogni episodio è lungo 50 minuti. Ne verranno mandati in onda due alla volta.

Campagna regione lazio

Dovrebbe però trattarsi soltanto della prima stagione di una serie che potrebbe arrivare a un totale di 32 episodi.

L’Amica geniale: di cosa parla

La narrazione comincia con un’anziana signora, Elena Greco, la cui vita viene scossa dalla scomparsa improvvisa di Raffaella Cerullo, detta Lila, l’amica più importante che abbia mai avuto. Nel bel mezzo della notte il figlio di Lila, Rino, telefona a Elena, per avvisarla della scomparsa della madre.

Elena, con voce dura e perentoria, dice a Rino: “Per favore, una volta tanto comportati come vorrebbe lei: non la cercare”.

Elena decide di infrangere la promessa fatta a Lila secondo la quale non avrebbe mai raccontato la loro storia, e comincia così a raccontare un’amicizia epica, ambientata nella Napoli degli anni ’50. È una Napoli pericolosa e affascinante, sfondo di un’amicizia durata sessant’anni.

Per le due protagoniste bambine la vita si limita al loro quartiere. Non si sono mai avventurate fuori. È nel quartiere, mai citato, che si intrecciano le loro storie con quelle di tantissimi altri personaggi, da Don Achille ai fratelli Solara, da Melina a Donato Sarratore, passando per decine di altre persone.

Le due amiche sono le prime della classe. Elena riuscirà a proseguire gli studi. Lila, a causa della povertà e dell’ignoranza del padre, non andrà alle medie. La narrazione parte da qui, per arrivare a percorrere 60 anni di amicizia di Lenù e Lila.

L’Amica geniale: le riprese

Le riprese hanno coinvolto oltre 150 attori e 5.000 comparse: ai provini avevano partecipato 9mila bambini e 500 adulti, soprattutto dalla Campania.

Oltre al regista Saverio Costanzo, hanno partecipato alla sceneggiatura della serie Elena Ferrante, Francesco Piccolo e Laura Paolucci.

La fotografia è di Fabio Cianchetti, mentre la produzione è di Lorenzo Mieli, Mario Gianani e Domenico Procacci.

Le riprese della prima stagione sono iniziate nell’ottobre 2017 e si sono concluse nel giugno 2018, tra Napoli, Ischia e Marcianise.