Me

“Ho visto corpi accartocciati uno sopra l’altro. E gridavano”: il racconto di un testimone da Ancona

Immagine di copertina

Tragedia Ancona testimonianze | Capire la dinamica di un incidente come quello di Ancona è difficile. O meglio, è difficile da accettare. Non è la prima volta che il panico crea vittime, come successe il 3 giugno 2017 a Torino. Una folla impaurita che scappa da un luogo può provocare la morte. Ed è quello che è successo nella discoteca Lanterna Azzurra di Corinaldo.

“Abbiamo cominciato a tossire e lacrimare. Hanno aperto una uscita di sicurezza, altre due erano chiuse. Tantissimi ragazzi volevano uscire e hanno cominciato a spingere, siamo tutti caduti, un effetto domino, alcuni ragazzi sono caduti sopra di me e io stessa ero sopra altre persone, ho avuto un attacco di panico”. È la testimonianza al quotidiano Repubblica di Giulia Bucci, 18 anni, che si trovava all’interno del locale.

“Le mie gambe erano schiacciate. Il buttafuori mi ha preso di peso e mi ha fatto uscire dalla folla. La discoteca era pienissima, si camminava a stento. Già in un altro concerto di Sfera, in una discoteca qui vicino, qualcuno aveva spruzzato spray al peperoncino”, racconta ancora la donna.

“Ho visto corpi accartocciati, erano tutti uno sopra l’altro per terra e gridavano “aiuto”. Tutti correvano fuori quando è successo il casino, i buttafuori hanno aperto le uscite del retro della discoteca. Io sono uscito dalla porta principale e ho visto che c’era una scalinata in discesa senza parapetto. Come se sotto ci fosse un burrone. C’erano corpi dappertutto, una scena veramente assurda”, racconta al Messaggero un altro ragazzo.

Qui le testimonianze dei genitori di alcune delle vittime.

La dinamica dell’incidente

La tragedia è avvenuta vicino una delle tre uscite di sicurezza del locale, su un ponticello che collega la discoteca al parcheggio. Alcuni ragazzi sono usciti di corsa e gli altri hanno iniziato a spingersi e si sono accalcati su quel ponticello, che per l’urto ha ceduto. Molti ragazzi sono finiti nel fossato sotto il ponticello, finendo schiacciati da altri.

“Stavamo ballando in attesa che cominciasse lo spettacolo di Sfera Ebbasta, quando abbiamo sentito un odore acre, siamo corsi verso una delle uscite di emergenza ma l’abbiamo trovata sbarrata, i buttafuori ci dicevano di rientrare…”, ha raccontato un testimone.

La procura della Repubblica di Ancona indaga per il reato di omicidio colposo, per il momento a carico di ignoti. Le indagini sono coordinate dal pm Paolo Gubinelli e condotte in questa fase dai carabinieri e dai vigili del fuoco.

A questo link la ricostruzione completa.