Me

Gli insulti social al rapper Sfera Ebbasta dopo la tragedia nella discoteca di Ancona

In molti hanno preso d'assalto i profili del trapper dopo il terribile episodio

Immagine di copertina

Concerto Sfera Ebbasta Ancona insulti | Sono passate alcune ore dalla tragedia ad Ancona, dove sei persone sono morte e 59 sono rimaste ferite schiacciate dalla calca mentre cercavano di uscire dal locale. Oltre mille persone si trovavano a nel locale di Corinaldo, Lanterna Azzurra, che secondo gli inquirenti aveva venduto più biglietti del consentito per il concerto del rapper Sfera Ebbasta.

La tragedia è avvenuta mentre i fan aspettavano l’inizio della performance del “re della trap”. Nelle ore successive il profilo Instagram, che conta oltre 2 milioni di follower è stato preso d’assalto dai fan. Il rapper è stato accusato di non aver dedicato neanche un pensiero alle sei vittime. “S**** potevi scrivere qualcosa”, “Pagliaccio”. In molti lo accusano di usare continuamente i social, ma di non aver dedicato neanche una storia a questa immane tragedia.

Altri ancora lo accusano più direttamente di avere “provocato” la morte dei ragazzi organizzando un concerto in un locale piccolo e volendoci stipare più persone del consentito, perché schiavo del “dio denaro”.

Molti lo accusano inoltre di arrivare sempre in ritardo ai concerti. A Corinaldo, secondo alcuni commentatori su Instagram, Sfera Ebbasta aveva un ritardo di 3 ore.

Secondo molti utenti sui social, non sarebbe la prima volta che viene usato spray al peperoncino ai concerti del rapper.

Aggiornamento:

Alle ore 11 dell’8 dicembre Sfera Ebbasta ha pubblicato un post di vicinanza alle vittime.

Chi è Sfera Ebbasta

Sfera Ebbasta, il rapper di Cinisello Balsamo – all’anagrafe Gionata Boschetti, è un cantante italiano con un grandissimo seguito tra un pubblico di giovani e giovanissimi. Classe 1992, su Instagram ha 2 milioni di follower.

Autodefinitosi «il re della trap», il rapper è diventato popolare con la pubblicazione dell’album XDVR, inciso con la collaborazione del produttore discografico Charlie Charles. L’onda di grande successo è proseguita con l’album Sfera Ebbasta (2016) e Rockstar (2018). Questo secondo album gli ha permesso di divenire il primo italiano ad entrare nella top 100 mondiale della piattaforma di streaming Spotify.

Nei suoi brani, Sfera Ebbasta racconta un mondo fatto disagio, criminalità, spaccio di droga.

> QUI TUTTO QUELLO CHE C’È DA SAPERE SU SFERA EBBASTA