Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

“No Ta, Sì tav, Boh Tav”: la vignetta di Vauro per il Fatto censurata da Marco Travaglio

La notizia è stata data dal vignettista su Twitter

Immagine di copertina

“Sarebbe dovuta uscire su Il Fatto di domani sabato 8 dicembre, però il direttore Marco Travaglio ha deciso di non pubblicare”. Con questo messaggio pubblicato sul suo profilo Twitter, il vignettista Vauro ha annunciato che il suo ultimo lavoro è stato “censurato” da Travaglio.

Nel disegno si vedono tre manifestanti: un signore con la maglietta No Tav, una signora con la maglietta pro Tav, e il ministro delle Infrastrutture Danilo Tonielli con la maglia “Boh Tav”.

travaglio vauro tav

La posizione del direttore del Fatto Quotidiano in merito all’alta velocità che dovrebbe collegare Lione e Torino è ben nota, come dimostra l’editoriale pubblicato il 14 novembre in cui Marco Travaglio si è scagliato contro i manifestanti pro-Tav.

Secondo quanto scritto da Travaglio, i manifestanti conoscevano l’argomento Tav in maniera molto superficiale: “Dopo aver sorseggiato i fiumi d’inchiostro versati dai giornaloni sull’oceanica manifestazione Sì Tav di sabato a Torino, che ha visto sfilare nientepopodimenoché un torinese su 35 o un piemontese su 177, una domanda sorge spontanea: cosa sapeva tutta questa brava gente del Tav Torino-Lione?”, ha scritto il direttore del Fatto Quotidiano.

“Essendosi informati sui giornaloni che hanno sponsorizzato la Lunga Marcia, era prevedibile che organizzatori e partecipanti ne sapessero pochino, e che quel pochino fosse falso”.

Travaglio poi continua così: “I marciatori, e Salvini a ruota, ripetevano che l’opera va assolutamente ‘completata’ ma un’opera si completa quando è già iniziata e qui non è stato costruito nemmeno un millimetro di ferrovia […] Dunque non c’è nulla da completare”.

“Ora però le nostre disinformate madamine si sono montate la testa: chiedono udienza al Quirinale, danno ordini alla sindaca Appendino e al governo Conte, come se 25mila persone in piazza contassero più dei 10.935.998 italiani che hanno votato per i 5Stelle (No Tav) nel 2018 e dei 202.754 torinesi che nel 2016 hanno eletto la sindaca No Tav Chiara Appendino contro il Sì Tav Piero Fassino”, ha concluso il direttore nel suo editoriale.

“Invece i No Tav, che negli anni hanno portato in piazza ora 40 ora 50mila persone, non se li è mai filati nessuno. A parte, si capisce, i manganelli della polizia”.