Me

Kevin Hart non presenterà più gli Oscar 2019

La decisione dell'attore è arrivata dopo la bufera sorta sui social

Immagine di copertina
L'attore Kevin Hart

Kevin Hart presenterà la 91esima cerimonia degli Oscars? Così era stato stabilito dall’Academy, dopo l’annuncio del 4 dicembre 2018. Ma dopo la bufera sorta sui social sul suo conto, l’attore di Scary Movie ha deciso di rinunciare.

La vicenda

Il 24 febbraio 2019 ci sarà la premiazione più attesa nel mondo del cinema. Ma il comico Hart non sarà più il conduttore della serata. La decisione è arrivata dopo che diversi utenti su Twitter hanno ritrovato alcuni post omofobi scritti da lui tra il 2009 e il 2011 e poi rimossi, almeno secondo quanto riportato da The Hollywood Reporter.

L’attore, infatti, aveva pubblicato alcune frasi offensive nei confronti delle persone omosessuali. Durante uno spettacolo, nel 2010, Hart si augurava che suo figlio di tre anni non diventasse gay. “Se un giorno mio figlio tornasse a casa e cercasse di giocare con la casa delle bambole di mia figlia, gliela romperei sulla testa e gli direi: ‘Fermo, questa è una cosa da gay'”, aveva detto.

Il produttore è stato anche accusato di aver pronunciato parole denigratorie.

La reazione di Kevin Hart

Kevin Hart, il 6 dicembre, ha pubblicato sul suo profilo Instagram due video in cui sosteneva di essere cambiato e di aver già rinnegato in altre occasioni quei commenti. Secondo l’attore, l’Academy lo avrebbe obbligato a scusarsi su quanto affermato in passato, altrimenti sarebbe stato sostituito da un altro presentatore. Hart, però, non ha accettato la condizione dettata dall’ente che organizza gli Oscar poiché aveva già chiesto scusa in precedenza.

Da qui l’addio alla cerimonia: “Ho deciso di lasciare la conduzione degli Oscar perché non voglio essere la distrazione durante una notte che dovrebbe essere una celebrazione di così tanti fantastici artisti di talento”.

“Chiedo sinceramente scusa alla comunità LGBTQ per le mie parole insensibili nel passato – ha continuato Hart – Mi dispiace di aver ferito delle persone. Mi sto evolvendo e vorrei continuare così. Il mio obiettivo è unire, non dividerci. Tanto amore e gratitudine per l’Academy, spero che ci rivedremo ancora”.