Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Lecce, arrestato il pm Arnesano: “Favori sessuali in cambio di provvedimenti giudiziari”

L'inchiesta sul presunto scambio di favori e prestazioni sessuali ha coinvolto anche alcuni dirigenti dell'Asl salentina

Immagine di copertina
Il pm Arnesano

Il sostituto procuratore di Lecce Emilio Arnesano è stato arrestato il 6 dicembre 2018 per aver chiesto dei favori sessuali in cambio di provvedimenti giudiziari.

L’inchiesta sul presunto scambio di favori e prestazioni sessuali ha coinvolto anche alcuni dirigenti dell’Asl salentina e ha portato anche all’arresto di Carlo Siciliano, dirigente dell’azienda sanitaria, mentre Ottavio Narracci, direttore generale Asl, Giorgio Trianni e Giusepep Rollo, dirigenti Asl, Benedetta Martina, avvocato di Lecce, sono finiti ai domiciliari.

Il gip di Potenza ha anche disposto il divieto di dimora a Lecce per Antonio Salvatore Ciardo, oltre al sequestrato di una piscina in casa di Trianni e della barca di Arnesano.

Le accuse nei confronti degli indagati sono di corruzione in atti giudiziari, induzione a dare o promettere utilità a pubblico ufficiale e abuso di ufficio.

Il pm Arnesano è accusato di “delitti commessi con abuso e vendita delle proprie funzioni”: in particolare, il gip d Potenza gli ha contestato diversi “episodi di corruzione in atti giudiziari, di induzione a dare o promettere utilità e di abuso di ufficio”.

Arnesano avrebbe “venduto, in più procedimenti, l’esercizio della sua funzione giudiziaria in cambio di incontri sessuali ed altri favori”.

In particolare è finito sotto la lente investigativa della Procura della Repubblica di Potenza il “rapporto corruttivo, consolidato e duraturo”, con l’avvocato Benedetta Martina (agli arresti domiciliari):

La Procura di Potenza ha stabilito che “il pm pilotava procedimenti in cui gli indagati erano assistiti dall’avvocato Martina, ottenendo in cambio prestazioni sessuali” dal legale.

Dalle indagini è emerso che il pm di Lecce in un’occasione è intervenuto presso il presidente del collegio di disciplina dell’Ordine degli avvocati di Lecce, Augusto Conte, su richiesta dell’avvocato Manuela Carbone. Anche in tal caso ci fu un incontro fra Arnesano e Conte, durante il quale “la richiesta veniva avanzata e accettata”: il pm, poi, chiese all’avvocato Carbone, “in cambio del suo intervento, delle prestazioni sessuali”.