Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Donna di 150 chili uccide il fidanzato sedendosi sopra di lui: l’uomo muore soffocato

Immagine di copertina

In Pennsylvania, negli Stati Uniti, una donna di 44 anni ha ammesso di aver ucciso intenzionalmente il compagno, suo coetaneo, sedendosi sopra di lui e soffocandolo con i suoi 150 chili.

Windi Thomas, questo il nome della donna, ha confessato il delitto in questi giorni. I fatti risalgono allo scorso marzo. La donna, in seguito alla confessione, rischia una condanna fino a 36 anni di carcere.

Inizialmente, Windi Thomas aveva detto che si era trattato di un incidente, ma dopo alcuni mesi di indagini e interrogatori la verità è venuta fuori.

La donna ha quindi raccontato i particolari della tragedia. Tutto sarebbe nato dalla sua esigenza di avere una dose di crack.

La richiesta, per motivi al momento non ancora chiari, ha scatenato una lite tra lei e il compagno. Entrambi facevano abitualmente uso di cocaina.

La lite, in pochi minuti, è diventata furiosa: Windi Thomas ha prima provato ad accoltellare il compagno Keeno Butler a una mano, poi l’ha colpito alle gambe con un tavolino e, infine, si è seduta sopra di lui soffocandolo con i suoi 150 chili.

La morte dell’uomo è stata considerata dagli investigatori un decesso “causato da insufficienza respiratoria, trauma da forza contundente al collo e compressione toracica”.

Secondo quanto riporta il Sun, la coppia aveva da tempo un rapporto molto conflittuale, come testimoniato anche da alcuni vicini di casa.

Windi Thomas e Keeno Butler stavano insieme da due anni, ma i litigi tra loro erano all’ordine del giorno.

La sorella della vittima ha dichiarato alla stampa: “Windi merita di scontare più di 40 anni di carcere”.

Keeno Butler, come riporta il suo necrologio, lascia una figlia, due nipoti, una madre e nove fratelli.