Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Da bersaglio no vax a volto della campagna per i vaccini: lo spot di Ivan Zaytsev | VIDEO

Dopo aver annunciato sui social di aver vaccinato la figlia Sienna, è stato travolto dagli insulti. La sua risposta è stata diventare testimonial della campagna

Il campione di pallavolo Ivan Zaytsev è il testimonial del nuovo spot ministeriale per i vaccini. Lo sportivo è stato oggetto di pesanti attacchi da parte di no vax dopo aver annunciato sui social di aver vaccinato la figlia Sienna.

Gli attacchi

“E anche il meningococco è fatto, bravissima la mia ragazza”, questa la didascalia che accompagna la foto della piccola Sienna appena vaccinata. Lo Zar, questo il suo soprannome tra i fan, ha visto la sua bacheca infestata di insulti.

Si va da “ti auguro che la bimba sia così sorridente anche domani e sempre. A volte il sorriso si spegne lentamente” a “Zingaro, spero che Salvini ti rimandi al tuo Paese”, passando per “Caro Zaytsev, pensa a giocare a pallavolo; migliaia di bambini sono morti a causa dei vaccini o sopravvivono gravemente danneggiati”.

Lo sportivo ha deciso di cancellare i commenti più duri, ma ha risposto così: prestando il suo volto alla campagna per i vaccini.

Chi è Ivan Zaytsev

Lo chiamano lo Zar, non ha ancora compiuto trent’anni, è nato a Spoleto ma il cognome non tradisce le origini russe. Ivan Zaytsev è il capitano della nazionale di pallavolo italiana ed è un figlio d’arte. Il padre è l’ex pallavolista sovietico Vjačeslav Zajcev, la madre l’ex nuotatrice Irina Pozdnjakova.

Lui, Ivan, ha vissuto l’infanzia seguendo il padre in giro per l’Europa, ma è all’età di dieci anni, nel 1998, che il campione di domani si stabilisce in pianta stabile in Italia con la famiglia.

Il destino di Ivan Zaytsev era già segnato. A sette anni, ancora in Russia, inizia a palleggiare seguendo le orme del padre campione olimpico e da quel momento non lascerà più il campo.

La sua carriera inizierà nelle giovanili del Perugia Volley, squadra in cui resterà (arrivando in serie A1 nel campionato 2004-2005) a lungo, per poi iniziare a giocare con altre maglie. Ma a Perugia sarà sempre legato, tanto che tornerà e vestirà i colori della Sir Safety Perugia fino al 2018.

202 centimetri di altezza per 108 chili di peso, lo Zar in campo è un pallavolista determinato e a tratti spietato con le sue pallonate da 100 chilometri orari, ma a casa si trasforma in un gigante buono. Soprattutto coi suoi figli.