Me

Catania: uccide il figlio neonato buttandolo a terra, arrestata ragazza di 26 anni

La madre aveva riferito che il figlio "si era fatto male cadendole accidentalmente dalle braccia a causa di una spinta che si era data da solo"

Immagine di copertina

Una donna di 26 anni  è stata arrestata a Catania per aver ucciso il figlio di tre mesi lanciandolo a terra.

Secondo quanto riferito dalla polizia, il neonato è morto in ospedale il 15 novembre, il giorno dopo essere stato ricoverato a causa delle ferite riportate alla testa.

La notizia dell’arresto della donna invece è stata resa nota solo il 3 dicembre 2018 dalla procura di Catania: il personale del commissariato Borgo Ognina ha eseguito nei confronti della donna un’ordinanza cautelare in carcere emessa dal gip, su richiesta della procura, con l’accusa di omicidio aggravato.

In un primo momento la madre aveva riferito che il figlio “si era fatto male cadendole accidentalmente dalle braccia a causa di una spinta che si era data da solo”.

In seguito, però, la procura ha accertato che la caduta del bambino non era stata accidentale bensì che era stata la madre dello stesso a scaraventarlo a terra con forza.

I giudici sono arrivati a questa conclusione dopo aver ascoltato i soccorsi intervenuti subito dopo l’incidente e la stessa donna di 26 anni accusata adesso di omicidio.

Le indagini del commissariato di polizia Borgo-Ognina sono state coordinate dal procuratore Carmelo Zuccaro, dall’aggiunto Ignazio Fonzo, che coordina il dipartimento reati contro le persone, e dal sostituto Fabio Saponara.

Roma – Un caso simile si era verificato a fine settembre a Roma, nel carcere di Rebibbia: una madre aveva gettato giù dalle scale i suoi due figli.

Uno dei bambini era morto sul colpo e alcuni giorni dopo i medici hanno dichiarato anche la morte celebrale del secondo figlio.

“Ho liberato i miei bambini, adesso sono in Paradiso”, ha detto agli inquirenti la donna autrice del duplice omicidio.

Alice Sebesta era finita in carcere il 28 agosto 2018 a Roma perché trovata in possesso di 10 chilogrammi di marijuana. Dopo questo ultimo episodio deve fare i conti con l’accusa di duplice omicidio.