Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Il drammatico appello del capitano del peschereccio: “Non possiamo continuare a navigare senza meta” | VIDEO

Le immagini arrivano dalla Nuestra Madre de Loreto. A bordo ci sono undici migranti. Dopo dieci giorni di "abbandono" la decisione: si va verso Malta

Hanno salvato dodici persone. Dodici migranti. E per giorni sono stati costretti a navigare, “da nord a sud, da est a ovest” nel Mediterraneo “per sfuggire al maltempo, senza avere una risposta”. Alla fine la situazione è stata sbloccata dalla decisione unilaterale del capitano che ha iniziato a dirigersi verso la Spagna, per poi essere “dirottato” verso Malta.

L’appello che arriva dal capitano del peschereccio Nuestra Madre de Loreto è drammatico: “Non possiamo continuare a navigare da nord verso sud, da est verso ovest per sfuggire al maltempo, senza avere una risposta. Non è possibile non trovare un riparo per queste persone!”.

La sera del 30 novembre uno dei dodici naufraghi a bordo del peschereccio Nuestra Madre de Loreto è stato trasportato d’urgenza a Malta in stato di incoscienza, come si può vedere dal video qui sotto.

Le altre undici persone sono rimaste a bordo, in mezzo alle onde, nel Mediterraneo centrale. “Nei loro occhi e nei loro corpi” denunciano da Mediterranea Saving Humans “ci sono i segni delle torture subite in Libia. Preferiscono la morte al tornare indietro. La loro vita dipende da tutti noi”.

Dopo ore di estenunanti trattative, nel primo pomeriggio di sabato 1 dicembre il capitano ha deciso, unilaterlamente, di fare rotta verso la Spagna: a “scortare” la Nuestra Madre de Loreto l’imbarcazione “non governativa” Proactiva Open Arms.

Un gesto, quello del capitano, che di fatto ha costretto Malta a rompere il muro: così, dopo dieci giorni, i migranti ancora a bordo potranno sbarcare nell’isola del Mediterraneo.

Nella notte, infatti, le condizioni meteo sono peggiorate: questo ha convinto la guardia costiera spagnola ad assumersi la responsabilità di dirottare il peschereccio verso La Valletta.

I migranti erano partiti dalle coste di Khoms e sono stati raggiunti dalla marina libica che ha riportato in Libia 25 profughi lasciandone altri 12 in balia delle onde.