Me

Amazon diventa corriere postale: abilitati i servizi di spedizione

L'azienda inserita nell'ultimo aggiornamento dell'elenco dei fornitori postali diramato dal ministero dello Sviluppo Economico

Immagine di copertina
Credit: Getty Images

Amazon diventa corriere postale – Amazon Italia Logistic e Amazon Italia Transport sono state inserite dal ministero dello Sviluppo Economico guidato da Luigi Di Maio – alle righe 219 e 220 – nell’elenco delle aziende autorizzate ai servizi di spedizione. Così il colosso dell’e-commerce è pronto a prendersi un altro pezzo di mercato e, soprattutto, potrà abbattere ulteriormente i costi del proprio servizio.

Amazon corriere postale | Potrà fare spedizioni

Solo la scorsa estate Amazon era stata sanzionata dall’Agcom per aver, in passato, esercitato in maniera abusiva attività di spedizioni. Ora, però, con l’inserimento nell’elenco del Ministero il colosso dell’e-commerce potrà consegnare direttamente i propri prodotti.

Amazon è quindi da considerare ora, come Poste Italiane o altri corriere, a tutti gli effetti un operatore postale, avendo ricevuta apposita licenza.

Amazon corriere postale | Non sarà più “operatore abusivo”

Come detto la scorsa estate l’Autorità garante per le Comunicazioni aveva multato Amazon per aver esercitato in maniera abusiva l’attività postale: non avendo apposita licenza i corriere Amazon non avrebbero potuto recapitare i pacchi a domicilio degli aquirenti.

In risposta, a ottobre Amazon ha presentato richiesta di essere inserito nell’elenco apposito del Ministero dello Sviluppo Economico. E l’autorizzazione è arrivata lo scorso 16 novembre con l’aggiornamento dell’elenco degli operatori postali.

Amazon corriere postale | Cosa cambia

Una delle “conseguenze” di tale autorizzazione sarà però quella, per Amazon, di dover necessariamente inquadrare i propri fattorini secondo quanto previsto dal contratto nazionale del settore postale e, inoltre, di sottostare alla vigilanza dell’Agcom.

Una brutta notizia per Poste Italiane che, con Amazon che diventa corriere postale rischia così di perdere un’altra, importante fetta di mercato dopo che a settembre (con pubblicazione in Gazzetta Ufficiale n.208 del 7 settembre 2018) è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto del Mise per le procedure di rilascio delle licenze speciali dei servizi di notificazione degli atti giudiziari e delle violazioni del codice della strada.