Me

Corona e Asia, dietro alla relazione ci sarebbe un contratto

Secondo l'indiscrezione circolata sulle testate di gossip, l'ex re dei paparazzi ha proposto ad Argento un accordo per "costruire" la loro storia d'amore

Immagine di copertina

Un amore sotto contratto. La relazione tra Fabrizio Corona e Asia Argento sarebbe il frutto di un accordo, proposto dall’ex re dei paparazzi e stipulato dalla coppia: di vero ci sarebbe solo il pezzo di carta con il quale i due hanno deciso di impegnarsi per finta, e i soldi che Corona ha offerto ad Asia.

L’indiscrezione è circolata su molte testate di gossip, ma i dubbi sulla veridicità della relazione erano già sorti da qualche giorno. Dopo la pubblicazione della foto del primo bacio, un fotografo di vip ed ex amico di Corona aveva espresso i suoi dubbi su quegli scatti: secondo lui erano “organizzati”, i due erano chiaramente in posa.

Ma come funzionerebbe il contratto? Corona avrebbe proposto l’accordo ad Asia, che prevede un ingaggio per l’ex giudice di X Factor di 100mila euro per iniziare una finta relazione, organizzata in un percorso a tappe di apparizioni pubbliche.

Prima tappa: Asia e Corona si fanno pizzicare dai fotografi, si fanno fotografare e rilasciano interviste sull’inizio della relazione, inondando tv e giornali con i dettagli della loro storia.

Poi è il turno della famiglia, diviso in tre step. I due si presentano ai rispettivi figli e parenti: Asia ha già incontrato Carlos, il figlio di Nina Moric e Fabrizio, si fa fotografare e intervistare. Poi toccherà a Corona, che conoscerà Anna Lou, la figlia di Asia e Morgan, e il suocero e maestro dell’horror, Dario Argento.

Secondo le indiscrezioni, questa fase sarebbe ancora in fase di definizione. E poi la crisi del rapporto: Corona cercherà conforto con qualche sua ex, si farà fotografare e i due si lasceranno.

Finita la relazione però il contratto prevede un ultimo passaggio: Asia, per dimenticare la turbolenta relazione, fuggirà sull’Isola dei famosi, e Corona sarà ospite in studio per chiedere il suo perdono.