Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Propaganda Live: Di Maio spiega cos’è la libertà di stampa

Propaganda Live | Di Maio spiega cos’è la libertà di stampa

Luigi Di Maio tenta di definire il concetto di libertà, ma il video scatena le risate in studio a Propaganda Live.

Durante la puntata del 16 novembre 2018 il conduttore Zoro, affiancato come sempre dal disegnatore Makkox, ha mostrato un filmato in cui il vicepremier e ministro del Lavoro e dello Sviluppo economico spiega cos’è la libertà di stampa.

Il tema è di stretta attualità dopo gli attacchi al mondo dell’informazione italiano lanciati dallo stesso Di Maio e da altri esponenti del Movimento Cinque Stelle in seguito all’assoluzione della sindaca di Roma, Virginia Raggi, nel processo che la vedeva imputata per falso.

“La libertà di stampa è sacra”, esordisce nel video Di Maio. Ma il proseguo della sua spiegazione scatena le risate del pubblico di Propaganda Live.

Propaganda Live

Propaganda Live è un programma tv condotto da Diego Bianchi, in arte Zoro, la cui prima stagione è andata in onda dal 29 settembre 2017 al 15 giugno 2018, in onda il venerdì in prima serata. Si tratta dell’erede naturale di Gazebo, programma andato in onda su Rai 3 dal 2013 al 2017.

Un talk politico/attualità che ha mantenuto la linea del suo predecessore: reportage sui principali fatti sociali e politici, realizzati dallo stesso Zoro, con commento in studio.

Al fianco del conduttore Marco “Makkox” Dambrosio, ideatore del programma, e il tassista romano Mirko “Missouri 4” Matteucci.

Completano il cast la band formata dal chitarrista e cantautore Roberto Angelini, dal trombettista Giovanni Di Cosimo, dal batterista Fabio Rondanini, dal bassista Gabriele Lazzarotti, dal tastierista Daniele Rossi e dal sassofonista Daniele Tittarelli.

Ospiti fissi: il direttore de L’Espresso Marco Damilano e i giornalisti Paolo Celata, del TgLa7, e Francesca Schianchi, de La Stampa.