Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Lecce, insetti nei panini alle mense della scuola materna: scattano denunce e sequestri

Immagine di copertina

Lunedì 19 novembre alcuni genitori avevano sollevato il caso: i loro figli piccoli avevano trovato degli insetti (e alcuni vermi) nei panini alle mense delle scuole materne di Trepuzzi, in provincia di Lecce.

Mercoledì 21 novembre, a seguito delle denunce, è scattato l’intervento dei Nas. I carabinieri hanno sequestrato 1.600 chili di farina infestata da parassiti e denunciato due persone.

Le prime persone che si erano accorte della presenza degli insetti nei panini erano state due insegnanti, che avevano subito lanciato l’allarme.

I carabinieri hanno perquisito un panificio e due centri di cottura del servizio di mensa scolastica di Trepuzzi.

Le persone denunciate sono: il rappresentante legale del panificio, che ha sede a Miggiano, sempre in provincia di Lecce, e il rappresentante legale della società che gestisce le due cucine di Trepuzzi dove vengono preparati i pasti per gli istituti scolastici.

I panini in questione avevano all’interno degli involucri insetti e, in alcuni casi, addirittura vermi. Alcuni bambini non sarebbero stati fermati in tempo dalle insegnanti e avrebbero mangiato i panini infestati.

Lo scorso 16 novembre era emerso un caso analogo in Toscana, nelle mense scolastiche di due scuole in provincia di Pisa.

Ai bimbi – dai 3 anni in su – sono stati somministrati pasti con ingredienti avariati o non conservati perfettamente, almeno stando alla denuncia delle maestre. Larve di insetti sono state trovate nel farro, e nella pasta c’erano i vermi delle farfalle.

Le maestre si sono subito accorte che qualcosa non andasse nel cibo della mensa e hanno interrotto il pranzo, allertando l’amministrazione. In questo modo, come racconta La Nazione, si è evitato che anche ai bambini delle scuole di Castelfranco di Sotto venisse somministrato cibo con larve e insetti.

Ai genitori le maestre hanno poi riferito perché i loro figli non avessero mangiato a pranzo, facendo partire una protesta contro il fornitore del servizio.