Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Amanda Knox si sposa: la bizzarra proposta di matrimonio “dallo spazio” | VIDEO

La 31enne statunitense è fidanzata da tempo con lo scrittore Christopher Robinson

Un finto meteorite e la colonna sonora della pellicola E.T. l’extraterrestre. Questa la proposta di matrimonio – originale – ricevuta da Amanda Knox dal suo fidanzato, lo scrittore Christopher Robinson. Niente anello, dunque, per la promessa sposa.

Il fidanzamento ufficiale di Amanda Knox

Nel video pubblicato Amanda Knox e Christopher Robinson annunciano il loro fidanzamento ufficiale. Una dichiarazione che arriva dopo una vera e propria messainscena che ha avuto luogo all’esterno della loro casa. “Non ho un anello, ma ho una grande roccia – ha detto lo scrittore in ginocchio alla sua ragazza – Vuoi stare con me finché l’ultima stella e l’ultima galassia bruceranno?”.

Subito dopo è arrivato il “sì” di Amanda e un lungo bacio.

Nel meteorite era anche presente un messaggio scritto dal fidanzato: “Nessun’altra unione ha prodotto tanto calore cerebrale-empatico quanto quella di Amanda Marie Knox e Christopher Gerald Robinson. Hanno perseguito diversi progetti di grande ambizione, anche mentre si inseguivano l’un l’altro. L’amore è cresciuto in modo esponenziale dal loro primo incontro”.

Chi è Amanda Knox

Statunitense, di 31 anni, Amanda Knox è nota per aver trascorso quattro anni in carcere in Italia dopo un caso di cronaca nera: l’omicidio di Meredith Kercher, la studentessa inglese in Erasmus trovata morta in casa a Perugia la sera dell’1 novembre 2007. La causa della morte fu un’emorragia a seguito di una ferita al collo provocata da un oggetto acuminato usato come arma.

Knox, nel 2009, era stata ritenuta colpevole – in primo grado di giudizio – dell’assassinio di Kercher assieme a Raffaele Sollecito. Due anni dopo la Corte d’Assise li ha assolti per non aver commesso il fatto. Una sentenza confermata nel 2015 – dopo vari passaggi alla Corte di Cassazione e poi alla Corte d’Assise d’appello di Firenze – dalla Corte suprema.