Me

“Uccideteli tutti”, “Rompetegli le ossa”: i commenti d’odio contro gli studenti del No Salvini Day

La manifestazione studentesca ha scatenato diversi commenti sui social: qualcuno non si è limitato a criticare nel merito

Immagine di copertina
Il corteo degli studenti del 16 novembre 2018

Il 16 novembre 2018 a Milano, Roma e Napoli si è tenuto il corteo “No Salvini day”, una manifestazione organizzata dagli studenti delle scuole in aperta contestazione al vicepremier e ministro dell’Interno, Matteo Salvini.

Allo sciopero hanno partecipato migliaia di ragazzi, che hanno inscenato gesti di protesta anche violenti: alcuni studenti, ad esempio, hanno bruciato una bandiera della Lega, il partito di Salvini, altri hanno impiccato un manichino che ritrae il vicepremier, appendendolo a un ponte.

La manifestazione studentesca ha scatenato diversi commenti sui social network, alcuni a favore dell’iniziativa, altri contrari. Tra questi ultimi, c’è qualcuno che non si è limitato a criticare, passando agli insulti e frasi di odio e violenza.

Sotto la diretta della pagina Facebook Local team, ad esempio, si sono accumulate le reazioni di rabbia di alcuni utenti: tra chi invocava esplicitamente la violenza a chi offendeva gli studenti.

Alcuni commenti sotto la diretta della pagina Facebook di Local team

“Radunateli in uno stadio e poi, al sicuro, potranno dimostrare liberamente. dopo aver fatto la doccia, naturalmente. Giù in fondo, dove c’è scritto docce”, ha scritto un utente. “Buffoni cerebrolesi”, ha commentato un altro.

E ancora, altri: “Manganellate a più non posso contro genitori e figli”, “perché non si impiccano?”.

I temi della protesta indetta dagli studenti erano “le diseguaglianze e l’alternanza scuola lavoro, la legge di bilancio, l’edilizia scolastica e gli investimenti, il numero chiuso universitario e le scuole sicure”.

“Siamo in 100.000 in più di 70 città italiane per manifestare contro i continui tagli all’istruzione pubblica. Alle ore 14.30 saremo a Montecitorio con un’azione per chiedere al governo il taglio dei sussidi statali ai petrolieri e il finanziamento dell’istruzione pubblica”, ha dichiarato Giacomo Cossu, il coordinatore nazionale di Rete della Conoscenza .

“Scendiamo in piazza perché devono essere ripristinati i finanziamenti alla scuola e all’università sottratti negli ultimi 10 anni, con un investimento di 7 miliardi all’anno”.