Me

Chi sono i deputati e i senatori più assenteisti dell’attuale legislatura: la classifica

Dopo la vicenda del deputato Andrea Mura, con un tasso di assenteismo del 96,36 per cento, ci siamo chiesti come sono messi in fatto di presenze e assenze i politici italiani. Ecco cosa ne è venuto fuori

Immagine di copertina
I scranni di Palazzo Montecitorio vuoti

L’assenteismo dei parlamentari | I deputati più assenti della XVIII legislatura | I senatori più assenti della XVIII legislatura | Quanto sono assenti i più famosi politici italiani?

Chi sono i deputati più assenteisti (e più virtuosi) dell’attuale legislatura, inaugurata il 23 marzo 2018?

L’assenteismo dei parlamentari

Il tema dell’assenteismo dei parlamentari è un tema caldo in ogni legislatura, e cavalcato dai vari partiti in Parlamento, a seconda della convenienza e del periodo.

Secondo i regolamenti di Camera e Senato, è dovere dei deputati e dei senatori, partecipare ai lavori delle due camere, sia alle sedute dell’Assemblea che ai lavori delle Commissioni.

La presenza dei parlamentari si conta non sulle sedute dell’aula ma sulle singole votazioni elettroniche, quindi se durante una seduta vengono fatte più votazioni, ciascuna votazione è contata singolarmente.

Mentre in aula le votazioni sono elettroniche, e facilmente tracciabili per monitorare la presenza e la responsabilità delle singole decisioni, in Commissione non esiste lo stesso meccanismo ed è dunque difficile analizzare i dati.

Ciascun parlamentare può essere assente, presente o assente perché in missione, una sorta di assenza “giustificata” da un compito istituzionale che lo porta altrove.

Open Polis, che monitora i lavori parlamentari, tiene conto delle presenze e delle assenze dei deputati e dei senatori.

I deputati più assenti della XVIII legislatura

A detenere il titolo dei deputata più assenteista è Michela Brambilla, di Forza Italia presente a una sola votazione su 1.486. A seguire troviamo Leonardo Penna, del M5s, con 270 presenze

Il deputato Penna ha subito qualche mese fa un’emiparesi sinistra agli arti superiori e inferiori che lo ha costretto in carrozzina, come lui stesso ha fatto presente, ed è per questo motivo che all’inizio della legislatura è stato assente.

A seguire troviamo Antonio Angelucci di Forza Italia, con 304 presenze su 1486 e Giorgia Meloni con sole 373 presenze.

All’estremo opposto della classifica troviamo invece i deputati più virtuosi, con il 100 per cento di presenze: Alessandro Battilocchio (FI), Marco Bella (M5s), Marianna Iorio (M5s), Anna Laura Orrico (M5s) e Roberto Turri della Lega.

I senatori più assenti della XVIII legislatura

Tra i senatori di Palazzo Madama, sono Renzo Piano e Liliana Segre, senatori a vita, a detenere il primato dei più assenteisti, con un tasso del 100 per cento, e zero presenze (Piano) e una presenza (Segre) su 1261 votazioni.

A seguire troviamo Carlo Rubbia, senatore a vita, con 47 presenze su 1261, Ignazio La Russa di Fratelli d’Italia, con 173 presenze (98 assenze sono per missione) e Mario Monti, con 86 presenze (202 assenze sono per missione)

Al contrario, tra i senatori più presenti ve ne sono due che detengono il 100 per cento delle presenze, entrambe senatrici del Movimento Cinque Stelle, Rosa Abate e Rossella Accoto.

Quanto sono assenti i più famosi politici italiani?

Qui un riassunto delle presenze e delle assenze dei politici più popolari:

Luigi Di Maio: 228 presenze su 1486 ma 1225 assenze giustificate per missione (Camera)

Matteo Salvini: 54 presenze su 1261, ma 1191 assenze giustificate per missione (Senato)

Matteo Renzi (Pd): 807 presenze su 1261, ha un tasso di assenteismo del 27 per cento (105 missioni) (Senato)

Maurizio Martina (Pd): 569 presenze su 1486, ha un tasso di assenteismo del 61 per cento (Camera)

Campagna regione lazio

Giorgia Meloni (Fratelli d’Italia): 373 presenze su 1486, ha un tasso di assenteismo del 75,90 per cento (Camera)