Me

L’Amica geniale: da novembre la miniserie in 8 puntate | Dove e quando va in onda

La miniserie è stata prodotta da HBO, RaiFiction e TIMvision ed è attesissima dai suoi tantissimi fan. Tutte le informazioni da sapere

Immagine di copertina

Manca ormai pochissimo alla messa in onda della miniserie tratta dal romanzo L’Amica geniale, di Elena Ferrante.

Il libro, primo di una serie di grande successo ambientata nella Napoli caotica degli anni ’50, ha venduto più di un milione di copie soltanto in Italia ed è diventato un caso editoriale anche grazie al mistero che per anni ha circondato l’identità di Elena Ferrante, l’autrice.

La miniserie è stata prodotta da HBORaiFiction e TIMvision ed è attesissima dai suoi tantissimi fan.

L’Amica geniale: dove vedere la serie

La Rai ha annunciato che la serie in otto episodi si può vedere in tv su Rai 1 a partire dal 27 novembre 2018. Ogni episodio è lungo 50 minuti.

Ne verranno mandati in onda due alla volta.

Dovrebbe però trattarsi soltanto della prima stagione di una serie che potrebbe arrivare a un totale di 32 episodi.

L’Amica geniale: il cast

Del cast fanno parte Elisa Del Genio e Margherita Mazzucco che interpretano rispettivamente Elena Greco da adolescente e da bambina.

Gaia Girace e Ludovica Nasti sono invece le due attrici che interpretano Lila Cerullo, la prima da adolescente e la seconda da bambina.

Nel cast vi sono poi Dora Romano nei panni della maestra, Tommaso Rusciano, Gennaro De Stafano, Kristijan Di Giacomo, Giovanni Amura ed Elisabetta de Palo. La voce narrante è di Alba Rohrwacher.

La selezione del cast è durata quasi un anno. Hanno preso parte ai provini cinquemila candidati di tutte le età.

In un’intervista, la Ferrante ha dichiarato che la scelta è stata particolarmente difficile perché si è cercato di trovare bambini che non fossero attori.

Elena Ferrante aveva infatti chiesto espressamente l’impiego di attori bambini dilettanti.

“I bambini attori ritraggono i bambini come gli adulti immaginano che dovrebbero essere. Invece i bambini che non sono attori hanno qualche possibilità di uscire dallo stereotipo, specialmente se il regista è capace di trovare il giusto equilibrio tra realtà e finzione”, aveva detto la scrittrice.

L’Amica geniale: le riprese

Le riprese hanno coinvolto oltre 150 attori e 5.000 comparse: ai provini avevano partecipato 9mila bambini e 500 adulti, soprattutto dalla Campania.

Oltre al regista Saverio Costanzo, hanno partecipato alla sceneggiatura della serie Elena Ferrante, Francesco Piccolo e Laura Paolucci.

La fotografia è di Fabio Cianchetti, mentre la produzione è di Lorenzo Mieli, Mario Gianani e Domenico Procacci.

Le riprese della prima stagione sono iniziate nell’ottobre 2017 e si sono concluse nel giugno 2018, tra Napoli, Ischia e Marcianise.

Le attrici scelte per interpretare le due protagoniste del best seller, che ha venduto più di 10mila copie tra Italia, Stati Uniti, Nord Europa e altri 40 paesi in giro per il mondo, sono Elisa del Genio e Ludovica Nasti nei panni di Elena e Lila da bambine. Per interpretare le due amiche adolescenti, invece, sono state prese Margherita Mazzucco e Gaia Girace.

L’Amica geniale: di cosa parla

La narrazione comincia con un’anziana signora, Elena Greco, la cui vita viene scossa dalla scomparsa improvvisa di Raffaella Cerullo, detta Lila, l’amica più importante che abbia mai avuto. Nel bel mezzo della notte il figlio di Lila, Rino, telefona a Elena, per avvisarla della scomparsa della madre.

Elena, con voce dura e perentoria, dice a Rino: “Per favore, una volta tanto comportati come vorrebbe lei: non la cercare”.

Elena decide di infrangere la promessa fatta a Lila secondo la quale non avrebbe mai raccontato la loro storia, e comincia così a raccontare un’amicizia epica, ambientata nella Napoli degli anni ’50. È una Napoli pericolosa e affascinante, sfondo di un’amicizia durata sessant’anni.

Per le due protagoniste bambine la vita si limita al loro quartiere. Non si sono mai avventurate fuori. È nel quartiere, mai citato, che si intrecciano le loro storie con quelle di tantissimi altri personaggi, da Don Achille ai fratelli Solara, da Melina a Donato Sarratore, passando per decine di altre persone.

Le due amiche sono le prime della classe. Elena riuscirà a proseguire gli studi. Lila, a causa della povertà e dell’ignoranza del padre, non andrà alle medie. La narrazione parte da qui, per arrivare a percorrere 60 anni di amicizia di Lenù e Lila.

L’Amica geniale: il trailer

Il primo trailer di “L’amica geniale”, la serie tv tratta dal libro di Elena Ferrante, è uscito a settembre 2018.

La Rai ha pubblicato l’anteprima della serie tv co-prodotta da HBO e TIMvision e diretta da Saverio Costanzo.

L’Amica geniale in anteprima a Venezia

La miniserie prodotta da HBORaiFiction eTIMvision è stata presentata in anteprima in occasione della 75esima edizione della Mostra del Cinema di Venezia.

La miniserie in otto puntate, diretta da Saverio Costanzo, già direttore di La solitudine dei numeri primi, è stata presentata fuori concorso al prestigioso Festival di Venezia come proiezione speciale a fianco di Il Diario di Angela. Noi due cineasti di Yervant Gianikian.

A Venezia sono stati mostrati i primi due episodi di L’Amica Geniale. “Sarà un’operazione analoga a quella fatta con The Young Pope di Paolo Sorrentino nel 2016″, ha anticipato il direttore della Mostra Alberto Barbera.

L’Amica geniale al cinema: l’evento speciale dell’1, 2 e 3 ottobre

Per tutti i fan che non volevano aspettare il 30 ottobre, è stato organizzato un evento speciale in anteprima esclusiva l’1, 2 e 3 ottobre. In numerosi cinema di Italia sono state proiettate le prime due puntate della serie.

L’evento al cinema è stato distribuito in esclusiva da Nexo Digital solo l’1, 2 e 3 ottobre con i media partner Radio DEEJAY e MYmovies.it.

Qui tutti i cinema con le proiezioni dell’evento speciale.

L’Amica geniale: la regia di Saverio Costanzo

“Quando Elena Ferrante ha suggerito il mio nome per dirigere il film, non ha avuto nemmeno un dubbio”. Così Saverio Costanzo, intervistato dal Messaggero, commenta la scelta di dirigere la serie tratta dal romanzo L’Amica Geniale.

“Avevo letto i romanzi: da lettore avevo amato la storie di Elena e Lila”, ha spiegato Costanzo.

“Sentivo che avevo una familiarità, che l’avevo sempre avuta, con il mondo della Ferrante, anche se sono romano e non napoletano. Che mi sentivo vicino al suo approccio alla narrazione e alla ricerca artistica”, ha continuato.

“Non ho mai paura quando approccio un film e non l’ho avuta nemmeno in questa occasione. Cinque anni fa non avrei potuto sostenerlo, poi si arriva a un momento della tua vita in cui capita un’occasione che riesci a portate sulla spalle in maniera dignitosa”.

La stessa sceneggiatura, curata dal regista con Francesco Piccolo e Laura Paolucci, ha tenuto conto delle sollecitazioni dell’autrice, intervenuta “spesso, via email”.

Del romanzo che racconta la storia di Lila ed Elena, Costanzo ha apprezzato l’insieme dei diversi registri narrativi. “Ci sono tanti livelli della narrazione. È la storia di un’amicizia , con ombre e luci. La Ferrante è alla ricerca della verità umana: ha raccontato il peso di un’amicizia, che è un sostegno ma anche un peso, come tutti i rapporti”.