Me

Pioggia gialla nel leccese, la Procura indaga: potrebbe trattarsi di inquinamento

La denuncia è stata fatta dal Comune di Soleto che ha chiesto alla polizia locale di stilare una relazione sull'accaduto

Immagine di copertina
Il pavimento macchiato dalla probabile pioggia acida

Potrebbe essere una conseguenza dell’inquinamento ambientale la pioggia di colore giallastro caduta a Soleto, in Puglia. La Procura di Lecce ha avviato le indagini sul fenomeno – verificatosi da qualche giorno – per accertare se si tratti o meno di pioggia acida.

La pioggia gialla caduta nel leccese

Abiti, oggetti all’aperto e macchine coperti dalla sostanza difficile da rimuovere. Macchie giallognole sono stata trovate anche su manto stradale, giardini, tetti e pannelli fotovoltaici. I residenti del piccolo comune salentino sono stati i primi a denunciare, assieme all’amministrazione comunale, la situazione insolita alle autorità competenti. Le precipitazioni – probabilmente acide – erano già state registate in precedenza, ma mai così intense come negli ultimi giorni.

Graziano Vantaggiato, primo cittadino di Soleto, ha sollecitato l’intervento della Procura chiedendo ai vigili di stilare una relazione su quanto accaduto.

L’inchiesta della Procura di Lecce

Il pubblico magistrato di Lecce, Elsa Valeria Mignone, per svolgere le indagini ha acquisito sia il rapporto dettagliato del Comando di polizia locale, sia il dossier fotografico corredato. Per stabilire se sia o meno pioggia acida, bisognerà attendere i risultati delle analisi scientifiche sul campionamento della zona affidato ai carabinieri forestali. Nei giorni a venire ci sarà il responso da parte di un consulente incaricato dalla Procura di analizzare la questione.

Cos’è la pioggia acida

La deposizione acida umida – è questa la denominazione esatta – consiste nella caduta al suolo di molecole acide diffuse nell’atmosfera che vengono catturate e riversate sul terreno dalle precipitazioni. Come? Attravero pioggia, neve, grandine, nebbia e rugiada, per citare degli esempi.

Una pioggia viene considerata acida quando il suo Ph è inferiore a 5. La composizione è data per circa il 70 per cento da anidride solforica; il restante 30 per cento è costituito soprattutto da ossidi di azoto.