Me

Giordania, 11 morti e 4mila evacuati per alluvione. Turisti in fuga dal sito archeologico di Petra

Le forti piogge hanno provocato alluvioni nelle zone centrali e meridionali del paese

Immagine di copertina
Una foto del 10 novembre 2018 in Giordania. Credit: KHALIL MAZRAAWI

Giordania Petra alluvione | Sono almeno 11 i morti a causa delle alluvioni che hanno colpito la Giordania nelle zone centrali e meridionali del paese e presso il sito archeologico di Petra.

Il bilancio delle vittime è aumentato dopo il ritrovamento del corpo di una bimba e quello di un sommozzatore della protezione civile.

Altre 5 vittime si sono registrate nella zona di Madaba, a sud-ovest della capitale Amman, e tre vicino a Dabaa. Una ragazza è stata uccisa dalla furia delle acque a Maan, nel sud della Giordania.

Le alluvioni sono state provocate dalle forti piogge cadute sul paese. Già lo scorso 25 ottobre, le precipitazioni avevano provocato inondazioni che avevano ucciso 21 persone nella zona del Mar Morto.

Si trattava per la maggior parte studenti in gita scolastica. A seguito di questa vicenda, i ministri del Turismo e dell’Istruzione si erano entrambi dimessi. 

Fenomeni simili, dicono gli esperti, non si vedevano da decenni in Giordania.

Dopo questa nuova alluvione, quasi 4 mila turisti sono stati evacuati da Petra, un celebre sito archeologico, dove le acque hanno raggiunto anche i quattro metri di altezza in alcuni parti.

Anche l’Autostrada del Deserto, l’arteria più importante del Paese, è stata interrotta per gli allagamenti.

Leggi anche: La storia del campo profughi per bambini che non hanno più i genitori, in Giordania