Me

Juventus-Manchester United, l’esultanza di Mourinho che ha fatto infuriare i tifosi bianconeri | VIDEO

Al fischio finale della sfida di Champions League Mou si è lasciato andare a un gesto polemico contro i sostenitori bianconeri

Al fischio finale della sfida di Champions League tra la Juventus e il Manchester United (vinta dagli inglesi per 2-1) l’allenatore dei Red Devils Josè Mourinho ha esultato con un gesto che non è piaciuto affatto ai tifosi bianconeri presenti all’Allianz Stadium.

> QUI IL GRAN GOL DI CRISTIANO RONALDO DURANTE JUVENTUS-MANCHESTER UNITED

Il tecnico portoghese ha infatti portato la mano all’orecchio e, con un ghigno, ha sfidato i tifosi a fischiarlo. Gesto che non è piaciuto, ovviamente, ai tifosi, ma anche al difensore della Juventus Leonardo Bonucci che ha invitato il portoghese a evitare.

Ma perché Mou ha fatto questo gesto? Che tra l’ex allenatore dell’Inter e i tifosi della Juve non ci sia gran simpatia è risaputo. Ma a far “sbottare” Mou in particolare sarebbero stati i cori e i fischi ricevuti per tutta la gara.

“Sono venuto qui per fare il mio lavoro e sono stato insultato per novanta minuti – ha poi detto ai giornalisti nel post partita -. A freddo non rifarei questo gesto, ma non credo di aver offeso nessuno e sul momento mi è sembrata una risposta a tono a chi ha offeso tutta la famiglia, oltre a quella interista”. Punto e a capo.

> QUI LA CRONACA DI JUVENTUS-MANCHESTER UNITED

Il tecnico ha infatti poi cambiato discorso elogiando la sua squadra: “Abbiamo fatto una partita fantastica, giocando al nostro massimo livello. Al momento attuale non possiamo giocare meglio di così: siamo venuti a giocare contro una squadra che lotta per obiettivi diversi dai nostri e che ha un potenziale molto superiore a quello di cui disponiamo noi”.

“Abbiamo avuto fortuna nel finale perché il pareggio sarebbe stato un risultato più giusto, ma questa fortuna ce la siamo andati a cercare fin dall’inizio. Per la Juventus fare uno o zero punti non avrebbe cambiato niente, mentre per noi questa vittoria è fondamentale per il discorso qualificazione”. Fine. Forse.