Me

Le 3 domande per scoprire il proprio potenziale

Ecco le tre domande per scoprire il proprio talento e capire a che cosa si è predisposti

Immagine di copertina
Credit: Pixabay/Ronile/via CCO Public Domain

Tutti abbiamo un talento, ma troppi pochi di noi riescono a riconoscerlo e quindi a farne uso.

Mentre i superpoteri degli eroi dei fumetti come per esempio la visione a raggi X e la super forza sono piuttosto evidenti, gli esperti sostengono che i superpoteri della vita reale passano spesso inosservati.

E questo non è perché la maggior parte della gente non sia dotata di almeno un talento, vale a dire qualcosa che possiamo fare meglio della stragrande maggioranza delle altre persone.

Whitney Johnson, executive coach e autore di diversi saggi, ha recentemente scritto: “sottovalutiamo spesso ciò che facciamo intrinsecamente bene. Quando un capo identifica questo talento e ti chiede di fare qualcosa che usi il tuo superpotere, potresti pensare ‘Ma è così facile, è troppo facile'”.

Questa è una perdita sia per le aziende, che spesso non riescono a capitalizzare i maggiori punti di forza dei loro dipendenti, sia per le persone stesse che fanno più sforzi del necessario realizzando molto meno.

Come superare allora questo ostacolo mentale e riconoscere il proprio potenziale?

Johnson suggerisce di porsi tre semplici domande. Eccole:

Cosa ti esaspera?

Quando qualcosa ci riesce facilmente fin dall’inizio, senza sforzo e che spesso troviamo estremamente fastidioso quando altre persone non riescono a fare la stessa cosa con competenza e facilità. Ecco questo è un segnale che può essere utile per individuare il proprio potenziale.

“Sono stranamente bravo a ricordare i nomi ad esempio e spesso mi infastidisco con quelli che non lo fanno, ma ho un pessimo senso dell’orientamento”, riporta come esempio Johnson.

Che complimenti rifiuti?

“Quando siamo intrinsecamente bravi in ​​qualcosa tendiamo a minimizzarlo”.

“Oh, non era niente”, diciamo, e forse per noi non era niente, ma può significare molto per gli altri.

“È per questo che bisogna tenere in considerazione questi complimenti, distinguendoli dalle lusinghe, perché possono indicare punti di forza che sottovaluti in te stesso ma che sono preziosi per gli altri “, sostiene Johnson.

A cosa pensi quando non hai niente a cui pensare?

Bill Gates ha recentemente affermato che è probabile che si possa diventare un artista di livello mondiale in quelle attività che si svolgevano per divertirsi nel periodo dell’adolescenza.

Johnson ha affermato lo stesso. Se il tuo cervello non riesce a smettere di pensare a qualcosa ogni volta che ha un momento di calma, è un buon segno per capire che hai una naturale ossessione e propensione per quella cosa.

E come sottolinea Gates, dove c’è ossessione l’abilità di solito si sviluppa.