Me

Viaggiare gratis: 5 app e siti web per dormire senza pagare

Sono numerosissime le possibilità e le occasioni per chi vuole evitare di pagare per dormire quando esplora il mondo, scopriamo i migliori servizi da sfruttare subito

Immagine di copertina

Viaggiare gratis è un sogno condiviso probabilmente dalla maggior parte degli appassionati di turismo in questo mondo. Tuttavia, si deve sempre mettere in conto che è necessario pagare per visitare località, così come per dormire mangiare e spostarsi.

Ma forse non tutti sanno che esistono alcuni servizi che consentono quantomeno di togliere dalla lista delle spese quella per gli alberghi, con opportunità molto interessanti. Abbiamo scelto cinque tipologie di siti per dormire gratis mentre si sta viaggiando.

Una piccola premessa: la filosofia è quella del baratto ovverosia non si riceve soltanto ospitalità gratuita ma in cambio sì mette a disposizione parte del proprio tempo. Niente di trascendentale, però è giusto sapere che bisogna almeno impegnarsi un minimo.

Housesitting Ci sono diversi siti che permettono di viaggiare gratis ottenendo ospitalità pagando solamente gli spostamenti e il cibo in cambio di prendersi cura della casa. E di tutto ciò che contiene dunque delle piante e degli animali di chi ospita.

Una formula popolarissima soprattutto in Gran Bretagna, ma che sta prendendo piede in generale in tutto il mondo. I portali più famosi: Trustedhousesitters.com, Housacarers.com, Luxuryhousesitting.com e Mindmyhouse.com.

Workaway Ottenere ospitalità free in cambio di una mansione per niente pesante e con tantissimo tempo libero è la filosofia dietro una serie di portali come Workaway.com. La formula è molto semplice perché in cambio di qualche ora quotidiana di lavoro si avrà un letto e spesso anche il cibo. Con la possibilità di vivere il resto del giorno per visitare posto, conoscere persone e imparare una nuova lingua.

C’è un piccolo costo iniziale di circa 25 euro per iscriversi, ma è l’unica spesa. Come alternative: Findacrew.com per chi vuole salpare a bordo di una nave, Aupairworld.com per ragazzi alla pari oppure Woofing.com per le fattorie (c’è un abbonamento iniziale di 30 dollari).

Worldpackers Molto interessante anche il sito Worldpackers.com che consente di ottenere ospitalità gratuita e cibo in cambio di una particolare abilità che si mette a disposizione di chi ci offre un riparo. Una piattaforma dunque dedicata a chi vuole viaggiare è scoprire il mondo e al contempo accrescere le proprie abilità e condividerle.

Hospitality Exchange ci sono numerosissimi portali di Hospitality Exchange ossia di scambio di ospitalità che si basano su questa semplice filosofia. Per poter sfruttare la possibilità di dormire gratuitamente presso una destinazione desiderata si dovrà essere anche ospitanti.

Insomma, sono portali che abbracciano entrambe le accezioni del termine “ospite”. Tra i vari siti ci sono Nightswapping.com, Trampolinn.com, Belodged.com e Globalfreeloaders.com.

Couchsurfing e similari Infine, naturalmente, un sito conosciuto dalla stragrande maggioranza degli utenti che si chiama Couchsurfing e che permette di chiedere ospitalità e anche offrirla, ma senza obblighi. Si mette a disposizione il divano di casa senza chiedere alcun soldo, un modo per viaggiare col minimo del budget e con una certa sicurezza.

La piattaforma è ormai collaudata, ma soprattutto per le ragazze che viaggiano da sole merita un po’ di attenzione. Come alternative ci sono Bewelcome.com e The Hospitality Club. Da segnalare quello per ciclisti chiamato Warmshowers.com e per autostoppisti chiamato Trustroots.com.