Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Perché sono single? Le difficolta nelle relazioni spiegate da una psicologa

Spesso tendiamo a dare la colpa a fattori esterni, ma se restiamo single a lungo è perché, inconsapevolmente, stiamo sabotando noi stessi

Immagine di copertina
Perché alcune persone restano single a lungo?

Perché sono single? Le difficolta nelle relazioni spiegate da una psicologa

È la domanda che tutti i single temono: “Perché sei ancora single?”

Nessuno sa darsi una risposta precisa, e generalmente vengono chiamate in causa motivazioni di ogni tipo: il destino, la cattiveria altrui, la sfortuna, questo almeno per i vittimisti.

C’è poi chi invece si auto-flagella convincendosi di essere costitutivamente inadeguato, incapace di costruire una relazione, e di conseguenza condannato alla solitudine eterna.

Ma secondo Melanie Schilling, psicologa ed esperta di relazioni intervistata dall’Independent, c’è una ragione precisa per cui molti di noi sono single e non riescono a trovare la persona giusta con cui costruire una relazione: l’auto-sabotaggio.

Si tratta di qualcosa di cui spesso non ci rendiamo conto. Melanie Schilling descrive l’auto-sabotaggio come “un meccanismo con cui miniamo e limitiamo attivamente le opportunità di interazione sociale o le possibilità di fare nuovi incontri. Di base lo facciamo trasmettendo al resto del mondo l’idea che non siamo interessati a una relazione – consciamente o inconsciamente”.

Quindi, il fatto di essere single può dipendere direttamente dalle nostre azioni e dal nostro modo di ragionare e comportarci, anche se ne siamo del tutto inconsapevoli.

“È comune dare la colpa a fattori esterni – afferma la psicologa – ma in realtà al centro dell’auto-sabotaggio c’è un sentimento ben definito: la paura “.

È comprensibile che molte persone non vogliano esporsi e rischiare per paura di rimanere ferite. “Spesso quando le persone sono state emotivamente spaventate in passato – e questo prima o poi accade a tutti – è normale sviluppare delle forme di protezione e di auto-difesa. Ma c’è una differenza tra essere scettici e disincantati e impedire a se stessi di essere felici nel lungo termine”, ha spiegato Schilling.

Molte persone che inconsapevolmente sabotano le loro possibilità di trovare l’amore manifestano almeno una di queste tre false credenze: su se stessi (“sto meglio da solo”), sugli altri (“probabilmente mi stanno ingannando”) e sulle relazioni (“Non ho tempo per una relazione “).

Secondo Schilling, mantenere anche solo una di queste false convinzione implica non essere ancora pronti per frequentare qualcuno e iniziare una nuova relazione.

Cosa si può fare, quindi? Può essere un cliché, ma Schilling crede che sia molto utile imparare ad amarsi prima di poter amare chiunque altro.

“Auto-compassione e autocoscienza sono i primi passi per attrarre gli altri e sviluppare con loro una relazione positiva.