Me

Valeria Golino: “Con Riccardo Scamarcio è stata una delusione forte”

Scamarcio e Golino sono entrambi impegnati nelle riprese del film Euforia

Immagine di copertina
Riccardo Scamarcio e Valeria Golino

Ai microfoni di Verissimo, Valeria Golino ha parlato della sua relazione con l’ex fidanzato Riccardo Scamarcio. I due sono entrambi impegnati nelle riprese di un film, Euforia, di cui la Golino è anche regista.

“È stato bello averlo nel film, lui è stato un attore molto generoso con me e gli altri. Conoscerlo così bene, come lo conosco io, è un privilegio ma avevo meno autorità con lui sul set”.

Quanto alla loro relazione, la Golino ha commentato: “Sarebbe potuto esserci imbarazzo. È stata una delusione sentimentale molto forte, siamo stati una bella coppia, mi fa piacere parlarne qui, ma è normale doversi proteggere. Resta qualche ferita, succede a tutti”.

Nell’intervista, Valeria Golino ha parlato anche di Harvey Weinstein, il produttore coinvolto nello scandalo degli abusi sessuali.

“Lui sta pagando 30 anni di malcostume, io ho incontrato uomini di questo tipo, ma ho cercato sempre di farmi rispettare e difendermi secondo la mia coscienza. Alle ragazze giovani dico di non omologarsi”, ha detto l’attrice e regista.

Nei giorni scorsi, era stato Riccardo Scamarcio a parlare della relazione avuta con la Golino.

“È una cosa estremamente dolorosa dalla quale non sono ancora guarito”, aveva detto.

“Le persone smettono di vedersi, ma la storia continua anche senza di loro”.

“Potremmo mandarci affanculo anche domani. Abbiamo fatto il film insieme, ok. Ma chissà cosa succederà. Lei è più intelligente di me, anche più sensibile. Io sono una testa di cazzo”, ha ammesso candidamente il 39enne.

Nel film Euforia, Scamarcio veste i panni di un uomo d’affari omosessuale alle prese con i suoi problemi di droga e, soprattutto, con la malattia di suo fratello, interpretato da Valerio Mastandrea. L’attore pugliese si cala nel personaggio steso dalla sua ex compagna, alla sua seconda prova dietro la telecamera, e lo fa con tutto ciò che significa stare dentro al film della donna che è stata al tuo fianco per dieci lunghi anni.

L’attore racconta che non avrebbe mai pensato di poter interpretare quel ruolo: “Quando Valeria ha scritto il film, era un momento complicato. Poi però mi ha dato il copione da vedere, per un parere, e da attore, animale, ho sentito un odore di personaggio pazzesco”.

Nel frattempo lei continuava a cercare l’attore perfetto, quello che in quel ruolo sarebbe calzato a pennello: “Lei faceva dei provini, ma questo protagonista non lo trovava – continua a spiegare Scamarcio – E a un certo punto mi ha chiesto: ma insomma, tu lo faresti?”.

E no, non è stato tra i raccomandati che salta la fila, lui, per dieci anni il compagno della regista: il ruolo l’ha ottenuto dopo aver passato un vero e proprio provino: “L’idea mi faceva paura”, ma alla fine “ci siamo divertiti un sacco”.