Me

Due ragazzine delle medie stavano per uccidere a coltellate e bere il sangue di 15 compagni

È successo in un istituto scolastico della Florida. Le due studentesse, di 11 e 12 anni, hanno detto di essere devote a Satana e di voler uccidere i compagni più piccoli per poi bere il loro sangue e mangiare le loro carni. Il progetto prevedeva anche il suicidio finale

Immagine di copertina

Hanno messo in piedi un piano malefico, progettando fin nei dettagli l’uccisione di 15 persone. Le menti malvagie in questione sono quelle di due ragazzine di una scuola media che hanno programmato l’assassinio di 15 studenti più piccoli.

Le autorità che hanno indagato sulla assurda vicenda hanno dichiarato che le due si erano procurate delle armi da taglio e avevano pensato di bere il sangue delle loro piccole vittime dopo averle fatte a pezzi.

Come si legge sul sito della CNN, il fatto è accaduto in una scuola media della Florida, negli Stati Uniti. Le due studentesse perfide, che frequentavano la Bartow Middle School, sono state arrestate con l’accusa di cospirazione per commettere omicidio, possesso di arma nella scuola e interruzione della funziona scolastica, ha riferito il capo della polizia di Bartow, Joe Hall, durante una conferenza stampa.

Quando gli inquirenti hanno interrogato le due ragazzine, di 11 e 12 anni, queste si sono giustificate rispondendo che erano devote a Satana. Per questo avrebbero ucciso quei 15 studenti ignari e, soprattutto, avrebbero proceduto a bere il loro sangue e a consumare la loro carne. Nei loro progetti, poi, c’era anche l’idea di togliersi la vita, dopo aver compiuto il rito.

Il piano è stato sventato martedì, dopo che la madre di una delle ragazze ha ricevuto una chiamata dalla scuola che la informava che la figlia era scomparsa dalla classe, ha riferito ancora Hall.

Le due ragazzine sono state portate nell’ufficio del preside, dove una di loro è stata trovata in possesso di un coltello da macellaio e uno da cucina. Le ragazze avevano con loro anche un tagliapizza, secondo quanto detto dalla polizia.

Nel bagno della scuola, la polizia ha ritrovato anche un calice. Gli investigatori hanno proceduto alla perquisizione delle case delle due ragazzine, dove hanno trovato una mappa disegnata a mano in cui si leggeva la scritta “uccidi in bagno”.

Sul cellulare di una delle due ragazzine, inoltre, sono stati trovati dei messaggi in cui si parlava del piano malefico. Alcuni agenti si trovavano già nel campus della scuola perché alcuni studenti avevano informato un insegnante di una voce su una possibile minaccia per gli studenti.

Il sovrintendente Jacqueline Byrd ha detto che il personale scolastico ha risposto rapidamente alle segnalazioni di comportamento sospetto. Ci saranno consiglieri e agenti di polizia extra a scuola questa settimana, ha detto Byrd.

Campagna regione lazio