Me

Il profilo Twitter del MISE ha condiviso il post di un account fake di Di Maio

Scivolone per il social media manager del Ministero dell'industria e dello sviluppo economico che ha ritwittato un post del profilo di @luigidimalo

Immagine di copertina
Luigi Di Maio. Credit: Getty Images

Non è una novità che il web pulluli di account fake di personaggi importanti, e tra questi non mancano di certo politici. Ultimamente si sono moltiplicati quelli dei politici e uno dei più bersagliati è sicuramente Luigi Di Maio.

A volte le persone ci cascano e, convinte di trovarsi di fronte all’account ufficiale del ministro del Lavoro, si ritrovano a condividere sui social i post fake dell’account fake. Il 25 ottobre, però, a cadere in errore è stato il social media manager del MISE, il Ministero dell’industria e dello Sviluppo economico, che, forse distratto, ha condiviso un post con dell’account “Luigi Di Malo”.

Il 25 ottobre è stata una giornata importante per il ministro del Lavoro e dello Sviluppo Economico, con la chiusura in modo decisamente positivo della lunga e complicata vertenza Whirlpool. Un incontro difficile, quello tra governo e sindacati, al termine del quale l’azienda ha deciso che non effettuerà nessun esubero e, anzi, riporterà in Italia parte della produzione delocalizzata in Polonia. Una vittoria importante per Di Maio.

Per rilanciare il messaggio del ministro che ha seguito la vicenda, il social media manager del ministero ha ritwittato un post del vicepremier. Peccato, però, che fosse quello dell’account fake di @luigidimalo.

Il profilo fake del vicepremier nel tweet non si limitava a esultare per la fine positiva della lunga trattativa, ma gioiva anche per il condono fiscale e per il condono delle case abusive a Ischia. Argomenti caldissimi degli ultimi giorni, al centro di un accesissimo confronto anche all’interno del governo stesso.

Il tweet sbagliato è rimasto lì per un’ora lunghissima, guadagnandosi un’ondata di critiche degli utenti sbigottiti di fronte all’evidente errore.

I commenti apparsi sotto al tweet del MISE.

 

 

Leggi anche: “Gli assassini di Desirée depressi a causa del razzismo”, il post fake diffuso dal social media manager di Salvini