Me

“Nessuno spreco di cibo”: Carrefour risponde alle accuse dopo la festa di Fedez e Ferragni

La catena di supermercati francesi ha postato sui social la risposta, spiegando che le merci non sono state rimesse in vendita

Immagine di copertina

Carrefour, la catena francese di supermercati, ha risposto alle accuse di spreco arrivate sui social dopo aver concesso un proprio locale per una festa di compleanno privata, che non è passata inosservata: il festeggiato era Fedez.

La coppia più social d’Italia ha ancora una volta acceso gli animi del web, questa volta per la festa a sorpresa che Chiara Ferragni ha organizzato per il 29esimo compleanno di suo marito.

L’imprenditrice e fashion blogger ha pensato di organizzare i festeggiamenti in un supermercato di Milano, al Carrefour dello “shopping district” City Life.

Sui social le critiche sono state numerose: in un primo momento erano rivolte solo ai Ferragnez, ma poi hanno coinvolto anche la catena di supermercati.

L’accusa principale è quella di non aver vigilato sul comportamento degli ospiti, che sui social hanno condiviso post e foto mentre aprivano le confezioni di cibo, giocavano con frutta e verdura, si rincorrevano sui carrelli.

Carrefour ha risposto che “tutte le merci rese disponibili agli ospiti non sono poi state rimesse in vendita”, e quindi “non ci son stati sprechi“. Ma nei commenti molti utenti continuano a manifestare i propri dubbi.

Anche Chiara Ferragni si è difesa dalle critiche. “La location non è stata la scelta migliore – ha scritto nelle stories di Instagram – ci sono stati episodi di goliardia che nel nostro caso vengon visti come ostentazione di opulenza: il messaggio che vogliamo diffondere invece come famiglia è esattamente l’opposto, mi dispiace e mi scuso se qualcuno si è sentito offeso”.

Fedez si è scusato alla fine della festa: “Mi sono defilato dalla festa per dirvi una cosa, ho letto su Twitter perchè molti si sono lamentati pensando che stiamo sprecando del cibo”.

Secondo quanto si vede nel filmato pubblicato da Tabloit le scuse non sarebbero nate così spontaneamente.

“Tutti quelli che si sono sentiti indignati sappiate che la spesa e il cibo domani verrà donata ai più bisognosi. L’unica storia di spreco che che avete visto è la mia e me ne assumo le responsabilità. Ho lanciato una foglia di lattuga, sono stato preso dall’euforia della festa e chiedo umilmente scusa per questo”.

“Probabilmente chiunque si fosse trovato nella mia situazione avrebbe toccato tutto, chiedo scusa perchè mi rendo conto di avere un’esposizione e dell’influenza che abbiamo sulle persone”.

“Non è una festa per esprimere opulenza ma è una cosa simpatica che hanno voluto fare per me, spero che capiate. In più occasioni abbiamo dimostrato di tenerci e di avere un occhio di riguardo per chi non ha avuto la stessa fortuna”.