Me

5 ristoranti stellati da provare almeno una volta nella vita

La nuova rubrica di Matteo Tanzilli per TPI su cibo, arte e cultura

Immagine di copertina
Risotto al mandarino con carpaccio di scampi (dal profilo Twitter @BeckHeinz)

Cinque ristoranti stellati in Italia da provare almeno una volta nella vita

Abbiamo da poco aperto una sezione sul cibo chiamata TPI Food. In questo nuovo spazio troverete, a cadenza irregolare, anche la nuova rubrica di Matteo Tanzilli. Se da lui vi aspettate le classiche liste delle migliori trattorie romane, avete sbagliato posto.

Qui di seguito trovate i 5 ristoranti stellati da provare almeno una volta nella vita. (Non perdete i suoi prossimi articoli in uscita: 8 Bar dove fare colazione a Roma; 5 Ristoranti dove andare a mangiare vicino Roma per la gita della domenica. Già online i 10 ristoranti a Roma da provare almeno una volta nella vita).

Chi va a mangiare in un ristorante stellato di solito va non solo per la qualità delle pietanze ma anche per ascoltare delle storie.

Ecco, io oggi ve ne voglio raccontare cinque:

DON ALFONSO della Famiglia Iaccarino – ⭐⭐
Corso Sant’ Agata 11- 80061 Sant’Agata sui Due Golfi, Massa Lubrense – 081 8780026

Amici vi devo raccontare una storia. La storia di Don Alfonso di Sant’Agata sui due golfi in Costiera. Due Stelle. Un esperienza mistica. Ambiente candido, quasi aureo. Si viene accolti “in casa” dalla proprietaria, Livia, che racconta i piatti mentre gli si illuminano gli occhi e trasuda passione. Ogni materia prima proviene dalla loro azienda agricola biologica di Punta Campanella.

Da provare assolutamente due primi: i cappelli di pasta con stracotto di pollo, parmigiano e tartufo (ho fatto il bis) e i cannelloni della tradizione, delicatissimi. A seguire ho assaggiato il filetto, sembrava burrata che si scioglieva in bocca. Dessert: Impressionismo di crema e zabaione al caffè, è un tiramisù scomposto.

Una cucina tradizionale, seppur stellata dove “se magna”, ti alzi da tavola non appesantito. A termine dell’esperienza Livia ti porta a fare il tour della struttura, si visita la cucina (bellissima tutta in maioliche del posto) presieduta dal figlio executive chef: Ernesto.

Non contenti siamo stati accompagnati anche nella cantina: 25000 bottiglie per 1500 etichette scavata nel tufo. Per chi avesse mangiato troppo e gli dovesse venire la “cecagna” la struttura accoglie anche un albergo, da poco ristrutturato, composto da 8 suite con piscina, biblioteca e giardino.

Don Alfonso non è un semplice ristorante, è una esperienza a 360 gradi dove bisogna andare almeno una volta nella vita.

LA PERGOLA di Heinz Beck – ⭐⭐⭐
Via Alberto Cadlolo 101 – Rome Cavalieri, Waldorf Astoria Hotels & Resorts, 00136 Roma – 06 35091

Ambiente curato in ogni dettaglio. Location calda con Roma che sembra entrare nel locale. Personale molto qualificato. Si fa l’aperitivo con ottimo champagne appena si arriva sui divani per poi essere accompagnati al tavolo. Io oramai mi faccio consigliare da Simone, il manager, che coccola me e tutta la mia famiglia anche nelle piccole cose come i tovaglioli personalizzati con le iniziali. Un gesto che fa sentire a casa. Comunque non possono mancare i tortelli alla carbonara, un esplosione di piacere.

Tra i dettagli la carta delle acque, le tisane con le piantine che vengono tagliate al momento e il bellissimo contenitore della piccola pasticceria.

Un posto dove lusso, qualità e dettaglio si sposano in un matrimonio felice.

DA VITTORIO della Famiglia Cerea – ⭐⭐⭐
Via Cantalupa, 17 – 24060 Brusaporto – 035 681024

Pacchero ai tre pomodori mantecato al momento con obbligo di scarpetta e cotoletta alla milanese con panatura di grissini (molto grande, si mangia in tre). Per i miei canoni è la migliore cucina autentica e tradizionale del mondo. Sapori autentici nel culto della semplicità.

Rimarrete stupiti anche dai dolci: tra le proposte un mappamondo che va fatto esplodere con un martello che racchiude al suo interno i sapori provenienti da ogni continente o imitando Pollock disegnando una sua opera nel piatto con gli ingredienti direttamente dentro le sac à poche.

Servizio in sala impeccabile capitanato da Rossella Cerea.

LE COLONNE di Rosanna Marziale ⭐
Viale G. Douchet 7 a 500 mt da Reggia di Caserta – 81100, Caserta – 0823 467494

Uno dei migliori ristoranti qualità/prezzo stellati. 65€ menù degustazione a scelta, tre portate più dolce. Io aumenterei i prezzi di un 20% avendo una stella perché se lo può permettere. Materia prima di ottima qualità, aiutati anche dalla zona dove pomodoro e mozzarella hanno tutto un altro sapore.

Io consiglio la pizza al contrario classica come antipasto, Pacchero ai tre pomodori (San Marzano, Piennolo e Corbarino) o palla di mozzarella con dentro tagliolino al pesto (piatto classico e molto scenografico) come primo e maialino nero casertano cotto per 12 ore come secondo.

Uno dei migliori maialini mai mangiati dove non occorre la forchetta. Come dolce è ottimo il Creta con cioccolato fondente e crema di limone calda. La piccola pasticceria con le tartellette di fragoline di bosco fresche non deludono le aspettative. Grazie a Valeria, che ci ha servito in sala e raccontato questo bellissimo percorso gastronomico.

Non siamo riusciti a salutare la Chef che non c’era alla quale volevamo consigliare di esporre la stella all’ingresso.

LA TRATTORIA di Enrico Bartolini ⭐
Localita Badiola – Andana Hotel – 58043, Castiglione Della Pescaia – 0564 944322

Ambiente curato nei dettagli in una cornice rustica. La brace a vista dentro il camino della cucina di una volta è molto bella. Personale sorridente e molto preparato.

Il nostro cameriere Feres sapeva perfettamente tutti i procedimenti dei piatti e ci consiglia in modo molto curato cosa prendere. Tartare preparata al momento davanti al cliente, maialino cinta senese cotto a bassa temperatura e passato al forno a legna per una leggera affumicatura.

Il grasso si scioglie e si può mangiare anche senza coltello. Molto buona anche la Fiorentina (55€, prezzo onesto) servita con le sue salse. Per concludere Soufflé al limone e soffice al cioccolato molto buono.