Me
5 app musicali come Spotify ma gratis
Condividi su:
Spotify

5 app musicali come Spotify ma gratis

Spotify negli ultimi giorni ha cancellato tutti gli account che utilizzavano la versione premium gratuitamente aggirando il sistema, ma esistono altre applicazioni free per poter ascoltare la musica in libertà

21 Ott. 2018 6 ore
Spotify

Spotify negli ultimi giorni ha cancellato tutti gli account che utilizzavano la versione premium gratuitamente aggirando il sistema tramite un’applicazione non ufficiale, ma in commercio esistono alternative gratuite per poter ascoltare la musica gratis: senza pubblicità, scegliendo i brani a piacere, ma soprattutto offline.

Spotify è la piattaforma di streaming musicale più utilizzata nel mondo, con 160 milioni di utenti attivi, tra abbonati e non. Il servizio, infatti, offre due versioni dell’applicazione, una “free” e una “premium”.

Con la registrazione alla versione gratuita gli utenti devono sorbirsi le pubblicità prima di ogni canzone, devono sottostare alla riproduzione casuale dei brani senza poter scegliere cosa ascoltare e, quando capita una canzone che non amano, non la possono saltare.

Attualmente, però, Spotify sta provvedendo a cancellare tutti gli account truffaldini per mettere in regola i propri conti e per prepararsi alle quotazioni in Borsa, con la speranza che, di tutti gli utenti bannati, almeno una parte passi alla versione a pagamento legale.

Per questo motivo, come spesso accade con i servizi a pagamento, i più parsimoniosi hanno trovato il modo di aggirare l’applicazione e di ascoltare musica gratuitamente senza le limitazioni del caso.

La reazione degli italiani alla decisione presa dalla piattaforma musicale è stata una vera e propria rivolta: perché gli utenti stanno riempiendo di insulti e cattive recensioni Spotify?

Ma in commercio esistono diverse applicazioni che includono la possibilità di creare una playlist di brani preferiti, sceglierne la riproduzione, saltare la pubblicità senza interrompere l’ascolto della musica, senza dover pagare alcun abbonamento e soprattutto senza dovere consumare la connessione dati dello smartphone.

Quasi tutte le applicazioni consigliate possono essere usate sia su dispostovi Android che iPhone.

Ecco cinque applicazioni di streaming musicale gratuite che fungono da alternative a Spotify:

Tubeats

Tubeats un’app che mixa i video di YouTube con le playlist Spotify consentendo l’accesso a un catalogo di brani e autori nazionali e internazionali quasi illimitato.

Per iniziare, in fase di registrazione (gratuita) viene chiesto di indicare tre autori preferiti così da poter suggerire gli ascolti successivi.

MusicUp

MusicUp è un’app che oltre all’ascolto della musica ne consente anche la visione in quanto trasmette anche il video musicale. Ci si può iscrivere gratuitamente e la piattaforma musicale suggerisce anche brani che rispecchiano i gusti dell’utente.

JustHearIt

JustHearIt è una web app che consente di ascoltare la musica offline e, come in Spotify, creare playlist e condividerle. Creata da due studenti universitari e un sistema che cerca brani musicali in tutta la rete.

La grafica dell’interfaccia è molto intuitiva e semplice e si posso caricare anche brani per aumentare il catalogo.

Jamendo

È un software semplice e ben strutturato e in aggiunta alle altre app suggerite si può ascoltare anche la radio.

La ricerca della canzone da ascoltare si può fare per titolo o per artista. Inoltre è possibile scaricare gratuitamente e legalmente i brani musicali preferiti e condividerli con altri utenti, questo perché i brani hanno la Licenza Arte Libera, che consente di copiare e diffondere a titolo gratuito un’opera.

Esiste anche la versione Pro per acquistare i brani per usi commerciali.

Jamendo

SoundCloud

SoundCloud contiene tonnellate di audio caricati da altri utenti, quindi include sia l’audio fatto in casa sia la musica di artisti emergenti.

Si possono cercare musica, artisti e audio e seguire altri utenti per tenere traccia dei loro nuovi caricamenti. Le playlist possono essere create su iPhone in modo da poter creare un flusso personalizzato della tua musica preferita e condividerle con altri.

Alcuni dispositivi consentono persino di registrare e caricare il tuo audio direttamente attraverso l’app.

SoundCloud

 

 

 

 

 

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus