Me
Escort Advisor, il sito delle recensioni sul sesso che funziona come TripAdvisor
Condividi su:
Escort Advisor tripadvisor sesso
Il TripAdvisor del sesso

Escort Advisor, il sito delle recensioni sul sesso che funziona come TripAdvisor

Anziché scrivere una recensione su ristoranti, pizzerie e hotel in questo portale si possono giudicare le prestazioni del sesso a pagamento

17 Ott. 2018 12 ore
Escort Advisor tripadvisor sesso
Il TripAdvisor del sesso

Escort Advisor è il nuovo portale di recensioni dedicato al sesso e alla prostitute dove è possibile fornire una valutazione e un giudizio da 1 a 5 stelle alle prestazioni sessuali, funziona proprio come il noto sito TripAdvisor.

Sul portale è possibile trovare più di 11mila escort che decidono di farsi pubblicità pubblicando la propria descrizione corredata da una foto. Vicino al profilo della prostituta è possibile farsi un’idea anche del costo della prestazione sessuale grazie al simbolo dell’euro, più sono numerosi più sarà costoso il rapporto.

Escort Advisor funziona a tutti gli effetti come TripAdvisor, ma anziché scrivere una recensione su ristoranti, pizzerie e hotel in questo portale si possono giudicare le prestazioni del sesso a pagamento.

Il sito, attraverso un algoritmo interno, stila anche una classifica delle migliori escort e un team si occupa anche di selezionare ed eliminare i commenti pubblicati per evitare di dare spazio a recensioni fasulle.

Escort Advisor dalla sua fondazione ha totalizzato più di 30 milioni di visitatori e ogni mese riceve la visita di oltre 1,4 milioni di utenti. Secondo quanto riporta la classifica di Alexa, che misura il traffico e la popolarità di un sito, Escort Advisor supera a livello di visite portali più conosciuti come Groupon, Casa.it e Quattroruote.

In un’intervista telefonica all’Huffington Post, uno degli ideatori di Escort Advisor ha raccontato:“Il portale è nato all’interno di una normalissima web farm. Da vent’anni dirigevo una web agency, occupandomi di marketing e analisi di mercato. Poi, una sera di qualche anno fa, ho visto Luciana Littizzetto in tv che parlava di alcuni dati pubblicati da Google, da cui emergeva che gli italiani sono i primi in Europa nella fruizione di siti per adulti. Questa notizia mi ha incuriosito: sono andato a controllare e ho approfondito: il traffico era impressionante. A quel punto valeva la pena di inventarsi qualcosa per cavalcare il fenomeno”.

“I dati a nostra disposizione, inoltre, ci dicono che a cercare il sesso a pagamento sono soprattutto uomini dai 30 anni in su e non, come si potrebbe pensare, i più giovani” prosegue. “Il motivo? I servizi sono anche molto costosi, quindi bisogna avere una certa entrata economica per permetterseli”.

“Il nostro sito è diverso dagli altri competitor. Siamo nati per far luce sul mondo delle escort: inizialmente dando voce ai clienti, poi pubblicando notizie e ricerche sul portale Escort Insights” ha spiegato il fondatore alla giornalista Selene Gagliardi.

“Infine, stiamo mettendo in piedi delle convenzioni con associazioni di volontariato per tentare di risolvere i problemi delle nostre inserzioniste (ad esempio, la gestione dei figli nell’orario di lavoro). La nostra è una visione molto diversa da quella degli altri siti: vogliamo fare informazione”.

“Il fenomeno è decisamente trasversale, attraversa tutta la Penisola: Lecce è sì la città più ‘viziosa’, quella con un numero più alto di ricerche di escort su Google. Al secondo posto si piazza la nordica Treviso, mentre è quella di Lucca la zona con più escort per abitante. Insomma, da Nord a Sud la situazione non cambia” ha dichiarato in aggiunta Marco Fontebasso dell’agenzia di Dontouch, che gestisce Escort Insights.

Escort Advisor | Escort Advisor tripadvisor sesso | tripadvisor del sesso | tripadvisor escort | escort forum | escort advisor | bologna

A Torino ha aperto il bordello con le “sex dolls” in silicone: dopo due giorni è già in overbooking

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus