Me

Valentina Ferragni: “Ecco perché gli haters mi odiano”

Ha 25 anni e, come la sorella, è una influencer. Anche per questo è finita spesso nel mirino degli haters, soprattutto per il suo aspetto fisico

Immagine di copertina
Valentina Ferragni, sorella di Chiara. Credit: Instagram/Valentina Ferragni

Non tutti lo sanno, ma in casa Ferragni non è solo Chiara a occupare un posto speciale nel mondo dei social network. Valentina, la sorella più piccola, ha seguito le orme di Chiarotta – come ama chiamarla mamma Marina – e da qualche tempo è diventata una stella di Instagram.

Valentina ha 25 anni, è biondissima come la sorella e ha il viso rotondo e delicato. Reduce dall’impresa delle Fashion week in giro per il mondo – l’abbiamo vista a Milano, ma ha seguito Chiara anche in quelle di New York e Parigi – Valentina si gode qualche giorno di stop.

Il rapporto coi social, si sa, per le persone famose non è mai semplice e il pericolo haters è sempre dietro l’angolo. Pericolo che non risparmia la piccola Ferragni. In una intervista a Vanity Fair, Valentina racconta il suo rapporto coi fan e con i meno fan.

“Ho imparato che non c’è vera critica sotto. I bulli ci sono anche fuori dai social, è lo stesso atteggiamento che possiamo trovare tra i banchi di scuola o nella nostra cittadina. Instagram amplifica solo le loro voci, ma c’erano e purtroppo continueranno a esserci”, ha riferito Valentin.

Essere la sorella di Chiara Ferragni – da sempre bersagliatissima dentro e fuori dal web – e allo stesso tempo essere una influencer – ruolo altrettanto bersagliato dagli haters – significa attirarsi le critiche negative di tanti.

“Se attaccano lei quasi automaticamente attaccheranno me, anche se siamo persone diverse e se nessuno di loro fa lo sforzo di vedere la passione che mettiamo in questo lavoro”, racconta la 25enne.

“Vedono una ragazza giovane che viaggia, lavora in giro per il mondo e ha il tempo di laurearsi in corso: anziché provare a fare lo stesso la attaccano. Come se non potesse esistere una persona che porta avanti più cose con successo nella sua vita. Mi è sempre sembrata una scusa per non ammettere a se stessi che qualcosa non va, e come giustifico un ostacolo che non so superare? Getto la mia frustrazione su bersagli facili”, continua Valentina.

Forse è invidia o forse “hanno solo avuto una giornata ‘no'”, spiega la ragazza, fatto sta che gli haters “si buttano sulla tastiera e si nota che chi scrive non si sente bene”.

“A chi mi scrive che sono grassa cosa potrei rispondere se non ‘e quindi?’. Anche se fossi diversa, ne sono certa, avrei degli haters. Quando ero all’Università, per colpa dello stress da esami, ero un po’ dimagrita e alcuni commenti sottolineavano un messaggio terribile dicendo che ero anoressica”, si sfoga la 25enne.

Il mondo dei social spesso si presenta al mondo di tanti come qualcosa di finto, di irreale, di distante dalla vita vera, ma Valentina invece si mostra così com’è: “Sul mio profilo si nota il mio buon carattere, il mio essere reale, nonostante tutto. Chi mi segue su IG cerca ispirazione, apprezza il mio stile e vuole prenderne spunto per crearne uno suo. Anche Chiara cerca di essere sui social così com’è nella vita reale, che vi piaccia o no”.

“E allora mostro che vado in palestra perché se vuoi migliorarti o piacerti di più devi lavorarci, oppure mangio la pizza “ricomposta” e i chili di condimento sulla pasta”: preferisce essere un’amica virtuale piuttosto che “un modello da competizione”, Valentina.

Due i momenti che l’hanno convinta a scegliere la strada dell’influencer: il giorno della sua laurea e quello in cui per la prima volta è stata invitata a una sfilata. “Non c’è stato un giorno in cui mi sono detta: “Ora Valentina diventa questo”, è stato un passaggio assolutamente naturale. Forse non a caso la laurea è stata anche la foto con i commenti più pesanti e negativi che io abbia mai ricevuto”, afferma ancora la ragazza.

Ad attaccarla di più sono soprattutto le donna: è un “paradosso”. “Non piacerò mai a tutti, però cerco quantomeno di essere una persona sincera e onesta, pulita, anche nelle mie foto. Non uso programmi di fotoritocco, se faccio dei progressi e miglioro è solo perché mi impegno, cerco di piacermi e di essere in salute”, spiega la giovane.

Ma qual è la cosa che degli haters fa più male? “Ciò che mi dispiace davvero quando attaccano il mio aspetto fisico è che stanno attaccando un corpo normalissimo. La cosa grave non è l’insulto rivolto a me, ma che quell’insulto venga letto da altre donne e che loro, confrontandosi con la mia foto, si sentano sbagliate quando non si è sbagliate”.