Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Young Signorino contro l’ex manager: “Mi rendevano scemo con le droghe, mia moglie mi ha salvato”

Il trapper replica alle accuse dell'ex manager: "Hanno raccontato un sacco di stronzate"

Immagine di copertina
Young Signorino. Credit: Instagram/Young Signorino

Young Signorino contro ex manager – Non ci sta, Young Signorino e respinge indietro le accuse al mittente. Il trapper risponde alle critiche mossegli dall’ex manager Sabri Jemel, in arte Karkadan, che in una lunga intervista rilasciata a Il Fatto Quotidiano puntava il dito contro il musicista e, soprattutto, contro la moglie, Jessica Loren.

“Hanno raccontato un sacco di stronzate. Partiamo da mia moglie. Jessica non è affatto una gold digger, perché una gold digger non si sposerebbe mai. C’è un sentimento vero dietro il nostro rapporto”. E, infatti, Sabri – che prima di esser stato il manager del trapper è un rapper italo-tunisino – aveva addossato alla moglie di Young Signorino la fine del loro rapporto, lavorativo e umano.

Karkadan aveva detto che da quando Jessica era entrata nella vita del trapper, aveva iniziato a manipolarlo mentalmente. Era stato, infatti, quando Young Signorino aveva iniziato a frequentare la donna che il rapporto aveva iniziato a deteriorarsi.

Ma il 19enne nega tutto e parla dell’amore sincero che lo lega a sua moglie, sposata in segreto appena qualche giorno fa: “Ho conosciuto Jessica quest’estate, durante il tour, e mi sono subito innamorato. È stata lei ad accorgersi della situazione in cui mi ero infilato”.

Nell’intervista Karkadan aveva sottolineato come proprio grazie al suo aiuto il trapper era riuscito a smetterla con la droga, ma anche su questo punto i racconti non coincidono: “Mi rendevano scemo con gli stupefacenti perché sapevano che era il mio punto debole: non è vero che mi hanno aiutato a uscirne, tutt’altro. Jessica mi ha aiutato davvero. Così ho iniziato ad allontanarmi dal team e a fare le cose da solo”.

Una delle accuse più pesanti mosse dall’ex manager italo-tunisino al trapper è quella di aver inventato la storia del coma: “Non mi sono inventato un bel niente: ho i referti, e magari un giorno li pubblicherò”, replica lui.

Young Signorino nel corso dell’intervista sottolinea più volte l’atteggiamento ostile nei suoi confronti del team: “Le persone che mi stavano accanto mi mettevano in ridicolo. Mi obbligavano a fare i videoclip mezzo nudo dicendo ‘fai vedere il pelo, che facciamo visualizzazioni'”.

È arrabbiato e amareggiato allo stesso tempo, Young Signorino: “Mi sono sentito fottuto nella testa e toccato nel mio punto debole, che è la droga appunto. Mi sono sentito una marionetta, e loro erano il mio Geppetto”.