Me
Un ragazzo è rimasto incastrato con la testa tra il treno e la banchina | VIDEO
Condividi su:
ragazzo incastrato treno banchina

Un ragazzo è rimasto incastrato con la testa tra il treno e la banchina | VIDEO

09 Ott. 2018
ragazzo incastrato treno banchina

Bruttissima disavventura per un ragazzo argentino. José Alejandro Centurion, un venditore ambulante di 20 anni, al momento di scendere dal treno ha poggiato male il piede ed è caduto nello spazio tra il vagone e la banchina rimanendo incastrato con la testa.

ECCO IL VIDEO:

Il ragazzo se l’è vista brutta ma fortunatamente è stato salvato grazie all’intervento dei vigili del fuoco accorsi sul posto in pochi minuti.

L’episodio, secondo quanto riportano diversi media argentini con tanto di foto e video, si è verificato a Merlo, località in provincia di Buenos Aires (Argentina), nella stazione Libertad: lì il treno della linea Belgrano Sur si era fermato per una breve sosta.

Ad un certo punto a bordo è scoppiata una rissa (si stanno cercando i responsabili e la cause), il giovane è quindi scappato, ma – uscendo dal treno – ha perso l’equilibrio, forse anche per colpa del suo stato di ebbrezza, ed è finito proprio nello spazio tra banchina e vagone.

Per consentire le operazioni di salvataggio da parte dei vigili del fuoco, la circolazione ferroviaria è stata ovviamente bloccata. Il giovane, una volta estratto, è stato trasportato in ospedale: non avendo riportato ferite gravi, è stato dimesso poco dopo.

“Ha avuto molta fortuna, possiamo dire che è nato una seconda volta”, ha raccontato il capo della squadra dei vigili del fuoco protagonista del salvataggio.

“Non è la prima volta che ci capita qualcosa del genere, ma in passato le persone rimaste incastrate non ce l’hanno fatta”, le sue parole. Insomma, José non è stato fortunato. Di più.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus