Me
Cos’è il “nametag”, la nuova funzione di Instagram per iOs e Android
Condividi su:
nametag instagram

Cos’è il “nametag”, la nuova funzione di Instagram per iOs e Android

Una sorta di badge elettronico che consente agli utenti di connettersi più velocemente

09 Ott. 2018
nametag instagram

Nametag, la nuova funzione di Instagram disponibile nell’ultimo aggiornamento dell’app, è un badge elettronico che consente agli utenti di connettersi più velocemente.

Il nuovo strumento era stato già testato nel mese di aprile 2018 e ora è disponibile sia per smartphone Android sia per iOs.

Il “nametag” Instagram è stato pensato per superare le difficoltà dovute ai nickname più difficili da ricordare.

Chiedere il contatto di Instagram è ormai una prassi comune tra i più giovani, ma se il nome utente è pieno di punteggiatura, o è in un’altra lingua o ha un significato nascosto ora sarà più facile condividerlo.

Funziona in maniera simile al Qr code. Il “nametag” è personale, unico e rende immediata l’azione di follow semplicemente scannerizzando la schermata: al nuovo follower basterà avvicinare il proprio smartphone per aggiungerci ai propri contatti.

Per iniziare a utilizzarlo, basta andare sul proprio profilo e cliccare in alto a destra, dove  ci sono le tre bande orizzontali. Si apre quindi un menu a tendina, dove c’è la nuova opzione “nametag”.

La prima volta che si accede alla funzione, bisogna seguire le istruzioni in tre passaggi, nei quali viene spiegato come gli amici possono scannerizzare il “nametag” per seguire qualcuno, come personalizzare la propria scheda e come scannerizzare quella di qualcun altro.

Per la personalizzazione del proprio badge, si possono impostare sfondi e colori diversi, mettere sceglie, adesivi ed emoji.

Il “nametag” può essere poi condiviso attraverso messaggi di testo o altri social network, come Facebook, Whatsapp e Telegram. Per farlo basta selezionare la freccia in alto a destra del badge personale.

LEGGI ANCHE: Quanto guadagna un influencer su Instagram

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus