Me

In tutto il Molise c’è un solo medico che pratica gli aborti: “L’obiezione di coscienza porterà alla distruzione della 194”

Michele Mariano è l'unico ad operare gli aborti in tutto il Molise e da solo riesce a soddisfare anche le domande che arrivano in un anno dalle regioni limitrofe

Immagine di copertina
Credit: Getty Images

In Italia, l’interruzione di gravidanza è regolata dalla legge 194, che consente alla donna di abortire in una struttura pubblica (ospedale o poliambulatorio convenzionato con la Regione di appartenenza), nei primi 90 giorni di gestazione; tra il quarto e quinto mese è invece possibile ricorrere all’interruzione volontaria di gravidanza solo per motivi di natura terapeutica.

La legge prevede anche che i medici che operano nelle strutture pubbliche possano rifiutarsi di procedere all’interruzione di gravidanza se obiettori di coscienza.

Negli anni, il numero di medici obiettori in Italia è continuato a crescere, raggiungendo il suo picco massimo in Molise, dove l’unico a praticare gli aborti è Michele Mariano, medico di 64 anni che opera nell’ospedale di Campobasso.

“Da solo riesco a esaudire tutte le richieste, 400 all’anno, che arrivano anche dalle regioni limitrofe, dalla Campania, dall’Abruzzo e dalla Puglia”, ha spiegato il medico in un’intervista al Mattino.

Nonostante l’alto numero di medici obiettori in Molise, il sistema di interruzione della gravidanza “funziona alla perfezione grazie al sottoscritto”, ha commentato Michele Mariano.

“Credo nella 194: è una ottima legge ma con due pecche. Una è la solitudine del medico nel prendere le decisioni del caso, anziché lavorare in équipe; l’altra, la principale, aver introdotto l’obiezione di coscienza che porterà alla distruzione della stessa legge. In Svezia non è ammessa, e anche in Italia, nelle scuole di specializzazione, andrebbe proibita”.

In un’altra intervista al sito CBlive, il medico aveva spiegato che a suo parere molti colleghi erano diventati obiettori perché “non vogliono esporsi e desiderano far carriera. Credo che per un ginecologo non dovrebbe essere ammessa l’obiezione di coscienza”.

Il medico ha raccontato di essere specializzato in ginecologia sapendo che nel corso della sua carriera si sarebbe trovato di fronte a casi di interruzione volontaria di gravidanza. “Pratica molto spesso non trattata neanche nei corsi di specializzazione”.

Il 6 ottobre 2018 si è tornati a parlare di interruzione di gravidanza in Italia dopo l’approvazione da parte del consiglio comunale di Verona della mozione 434 che la dichiara “città a favore della vita”, e adotta alcune iniziative “per la prevenzione dell’aborto e il sostegno alla maternità” (Qui cosa significa la mozione anti-aborto di Verona).