Me

Grosseto, un ragazzo è stato azzannato in casa dai suoi cani

Il ragazzo è stato soccorso dai vigili del fuoco ed è stato trasportato all'ospedale Misericordia, da cui è stato già dimesso

Immagine di copertina

Un ragazzo di 29 anni è stato aggredito domenica 7 ottobre dai propri cani a Istia d’Ombrone, in provincia di Grosseto, ed è stato ricoverato all’ospedale Misericordia, da cui è stato già dimesso.

L’aggressione sarebbe avvenuta mentre l’uomo cercava di separare i due cani di razza Amstaff che stavano lottando tra di loro, che si sono però rivolti contro il loro padrone, ferendolo.

Le ferite, secondo quanto riportato dall’avvocato del ragazzo, non sembrano essere particolarmente profonde.

Il ragazzo, che si trovava da solo nella sua abitazione, è stato soccorso dai vigili del fuoco a seguito dell’aggressione. Il 29enne ha provato a difendersi mentre cercava di separare i suoi due cani, ma è stato ugualmente ferito dagli animali.

In un primo momento si credeva che le sue condizioni fossero gravi a causa delle ferite riportate e della quantità di sangue che aveva perso. Il ragazzo è stato soccorso dal personale del 118 e trasferito al pronto soccorso dell’ospedale Misericordia di Grosseto.

Era stato proprio il ragazzo a chiedere aiuto mentre si difendeva dagli attacchi dei due cani, che sono stati bloccati dai vigili del fuoco partiti da Grosseto  alla volta di Istia d’Ombrone, località che si trova a circa sei chilometri dal comando dei pompieri.

Secondo quanto riportato invece dal quotidiano Il Giunco, sarebbe stata la vicina di casa a dare l’allarme, dopo aver sentito le grida del ragazzo, che sarebbe stato ferito dai suoi cani alle e spalle e alle gambe.

La stessa vicina si sarebbe sentita male durante le operazioni di soccorso, anche se non si sa ancora con precisione il perché del malore.

Impreciso inizialmente anche il numero degli animali che hanno aggredito il giovane: non due, ma quattro.

Una volta sul posto, i vigili hanno allontanato i cani dall’uomo per rinchiuderli nelle loro cucce e potersi così occupare del ferito.