Me
La nazionale italiana di basket con la Sindrome di Down è campione del mondo
Condividi su:

La nazionale italiana di basket con la Sindrome di Down è campione del mondo

08 Ott. 2018

Campioni del Mondo. Dopo l’oro agli Europei del 2017, la nazionale italiana di basket con la Sindrome di Down ha portato a casa anche la vittoria dei Mondiali.

Una grandissima soddisfazione per gli azzurri che, dopo aver vinto 22-13 contro il Portogallo, hanno festeggiato il trionfo mondiale come testimonia una foto pubblicata su Facebook dalla Fisdir, Federazione italiana Paralimpica, che ritrae gli azzurri al massimo della felicità al centro del campo, dopo essersi guadagnati il trofeo, per la prima volta nella storia del nostro Paese.

Trionfo che la il Comitato italiano paralimpico ha voluto celebrare tramite la propria pagina Facebook dove è stata postata una foto e scritto: “Ecco i loro nomi: Leocata, Silesu, Spiga, Ciceri, Lafornara, Venuti. A guidarli l’allenatore Mauro Dessi e il tecnico Giuliano Bufacchi”. Nomi che entrano di diritto nella storia dello sport.

Una vera e propria impresa per i ragazzi allenati da Giuliano Bunfacchi che in finale hanno battuto il Portogallo, nazionale padrona di casa e avversario dello scorso anno agli Europei.

“Dopo l’Europeo questa squadra porta a casa anche il titolo mondiale. Complimenti agli atleti, allo staff e alla Fisdir Federazione. Vogliamo farglielo un applauso?”, ha commentato il presidente del Comitato paralimpico, Luca Pancalli.

I Campionati Mondiali per atleti con Sindrome di Down che si stanno svolgendo a Madeira, in Portogallo, rappresentano un evento multidisciplinare (basket, atletica leggere e tennistavolo) riservato alla categoria C21 che sta vedendo la partecipazione di circa 300 atleti, in rappresentanza di 21 Nazioni dei cinque continenti.

Per qualsiasi informazione su Sport e disabilità: OSO – Ogni sport oltre.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus