Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Calabria, torturata dal compagno e appesa a testa in giù per 17 ore: “Non accettava i miei figli”

Immagine di copertina

Ha passato 17 interminabili ore appesa a testa in giù alla macchina per tostare le noccioline di un magazzino, dove l’aveva trasportata a forza il suo compagno, aiutato dai fratelli, cognati della vittima.

La sua “colpa” era quella di voler far rimanere con lei in casa i due figli avuti da una precedente relazione, che il compagno non tollerava.

È la terribile storia avvenuta a Vibo Valentia e che ha visto come involontaria e sfortunata protagonista una donna di 40 anni.

La donna ha raccontato quanto accaduto alla trasmissione Pomeriggio Cinque: “È iniziato tutto di sabato pomeriggio. Ero in casa sul divano e lui mi dice di andare a fare la spesa. A Vibo abbiamo incontrato i suoi due fratelli con un furgone. Mi hanno preso a calci e pugni e buttata nel veicolo”.

Da lì il trasporto nel magazzino, le sevizie durate 17 ore: “Dicevano che dovevo morire. Mi hanno perfino messo le mani dentro la bocca per tirarmi la lingua. Sono riuscita a sopravvivere pensando ai miei figli. Poi la domenica verso le 16 mi hanno slegato e mi hanno riportato verso casa”.

È proprio qui che la donna ha trovato i suoi salvatori, alcuni familiari e i carabinieri che erano stati allertati da uno dei figli, preoccupato per non aver visto rientrare a casa la madre.

Gli aguzzini, quindi, sono stati fermati in flagranza di reato, e dovranno rispondere ai reati di lesioni, sequestro di persona e, forse, anche di tentato omicidio.

“Ai carabinieri il mio compagno ha detto che ero stata aggredita per strada e che lui mi aveva salvato. Ma quando sono riuscita a parlare, ho rivelato tutto e ho indicato i luoghi dove ero stata chiusa”, ha raccontato la 40enne, che ha anche lanciato un appello a tutte le donne: “Al primo schiaffo, scappate”.