Me
Piero Angela contro il Governo: “Molto grave creare debito e aumentare lo spread”
Condividi su:
Piero Angela Gramellini governo

Piero Angela contro il Governo: “Molto grave creare debito e aumentare lo spread”

07 Ott. 2018
Piero Angela Gramellini governo

Piero Angela ha criticato la manovra finanziaria del Governo Lega-Movimento Cinque Stelle.

Secondo il popolare divulgatore scientifico, “è molto grave” che l’esecutivo abbia deciso di finanziare i suoi provvedimenti creando debito e facendo aumentare lo spread.

Angela ne ha parlato durante il programma televisivo ‘Le parole della settimana’ su Raitre, intervistato dal giornalista Massimo Gramellini nella puntata andata in onda nella serata di sabato 6 ottobre 2018.

“Tutto va bene se tu produci ricchezza”, ha affermato Piero Angela. “Oggi si chiama crescita, in realtà è lo sviluppo, è la capacità di crescere dal punto di vista fisico, intellettuale, l’educazione, quello che chiamiamo il software”.

“Ma quando mai noi sentiamo la politica, ma anche i mezzi di informazione, occuparsi di migliorare l’educazione, migliorare l’attrattività del Paese? Chi viene a investire trova una situazione che lo disincentiva a farlo”, ha aggiunto.

Angela ha sottolineato, poi, che “la nostra produttività, che è l’efficienza di un Paese, è ferma da 15 anni”.

Secondo il divulgatore, “la politica deve distribuire equamente la ricchezza e fare in modo che il Paese ne produca”.

E ancora: “È la partita doppia delle entrate e delle uscite, è un ragionamento che fa ogni famiglia, che non lo faccia lo Stato creando questo debito pubblico e soprattutto questo spread che ci porta via decine di miliardi di interessi è molto grave”.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus