Me
“Luca Laurenti è morto”: sui social la notizia di un tragico incidente, ma è una bufala
Condividi su:
luca laurenti morto
La bufala della morte di Luca Laurenti.

“Luca Laurenti è morto”: sui social la notizia di un tragico incidente, ma è una bufala

05 Ott. 2018
luca laurenti morto
La bufala della morte di Luca Laurenti.

La notizia sta rimbalzando da un profilo all’altro: “Luca Laurenti è morto: tragico incidente con il paracadute”.  La foto dell’incidente, il logo del Tg5 e la scritta ‘ultima ora’. Ma è una fake news, una bufala, costruita con il classico mix di elementi utili a trarre in inganno il lettore. luca laurenti morto

La bufala è iniziata a circolare sui social network nella tarda serata di ieri. La diffusione sembra essere partita da “il MessaNgero”, un sito che volutamente richiama il nome del noto quotidiano romano.

“Luca Laurenti  – si legge nello pseudo-articolo – è morto nell’ospedale Santa Maria di Terni, dov’era stato ricoverato in condizioni disperate per una caduta dopo un lancio con il paracadute”.

In poche ore su Google le parole “Luca Laurenti” e “Luca Laurenti morto” sono diventate trending topic, con circa 200mila ricerche effettuate.

La settimana scorsa il MessaNgero aveva colpito con un’altra fake news simile: quella della morte di Checco Zalone. Per il contrasto alle bufale, Facebook ha diffuso un elenco di elementi da valutare prima di condividere una notizia ‘sconvolgente’.

Come Facebook sta allertando i propri utenti per fermare la diffusione delle fake news

Tra i primi suggerimenti proposti dal social network di Zuckerberg c’è quello di guardare bene l’url, perché molti siti di notizie false si fingono siti autentici effettuando cambiamenti minimi agli Url di questi siti. Proprio come ha fatto il MessaNgero.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus