Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

“I cani non sono intelligenti come pensiamo”. Ecco lo studio che lo dimostra

Immagine di copertina

I cani non sono così intelligenti come crediamo. Secondo una ricerca dell’Università di Exeter e della Canterbury Christ Church University, le abilità cognitive dei cani sarebbero spesso “sovrastimate”.

I “migliori amici dell’uomo” non avrebbero un’intelligenza particolarmente sviluppata, ma semplicemente pari a quella di altre specie animali, come lupi, gatti, orsi, delfini, cavalli e piccioni.

A sostenerlo, come detto, è uno studio – pubblicato sulla rivista Learning & Behavior – che ha esaminato più di 300 articoli sull’intelligenza di cani e altri animali e ha riscontrato diversi casi di “sovra-interpretazione” delle abilità dei nostri amici a quattro zampe.

Insomma, spesso interpretiamo male, umanizziamo, i comportamenti dei nostri animali, attribuendo loro capacità di ragionamento superiori alla realtà.

“Durante il nostro lavoro – ha detto il professor Stephen Lea, l’autore principale dello studio – ci è sembrato che molti studi di ricerca sulla cognizione dei cani mirassero a dimostrare quanto sono intelligenti questi animali”.

Una revisione che si è concentrata sulla cognizione sensoriale, fisica, spaziale, sociale e sull’auto-consapevolezza degli animali.

Britta Osthaus, altra autrice della ricerca, ha dichiarato: “Considerando tre gruppi presi in esame (animali domestici, cacciatori e carnivori) la cognizione del cane non sembra eccezionale”.

“Non stiamo facendo un favore ai nostri amici a quattro zampe aspettandoci troppo – le sue parole – i cani sono cani, e dobbiamo tenere conto dei loro bisogni e capacità quando consideriamo come li trattiamo”.

LEGGI ANCHE: GATTI FANNO BENE ALLA SALUTE: COMBATTONO LA DEPRESSIONE E FANNO BENE AL CUORE