Me

Gilberto Benetton: la carriera, i figli, la malattia

Immagine di copertina
(Photo by BERTRAND GUAY / AFP)

Gilberto Benetton: chi era l’imprenditore morto per una malattia il 22 ottobre 2018

Gilberto Benetton nasce a Treviso il 19 giugno 1941.

Presidente di Edizione Holding, direttore di Sintonia e Autogrill, consigliere di Autostrade, Mediobanca e Lloyd Adriatico.

“Abito da sempre a Treviso in un appartamento in centro. Molto lavoro, pochi amici, sempre gli stessi. Tutte le sere dormo a casa. E quando è a Istanbul? Ho il vantaggio di viaggiare con l’aereo privato. Anche partendo dopo cena, a mezzanotte al massimo sono nel letto di casa” ricorda Giorgio Dell’Arti sul suo sito Cinquantamila.it.

Si è spento il 22 ottobre 2018 dopo un breve periodo di malattia.

Gilberto Benetton e il disastro del ponte Morandi di Genova

La famiglia Benetton, attraverso la holding Atlantia, detiene il controllo della società Autostrade per l’Italia, che il governo ha individuato come principale responsabile del disastro del ponte Morandi di Genova, avvenuto il 14 agosto 2018 – 43 morti, circa 600 sfollati.

I Benetton sono stati accusati da più parti di aver dimostrato scarsa umanità a causa di alcuni comunicati stampa diffusi dopo la tragedia, incentrati più su questioni economiche e tecniche che sul dolore per le vittime e sulla vicinanza ai loro cari.

“Il disastro di Genova deve essere per noi come azionisti un monito perenne, anche se terribile e per sempre angoscioso nei nostri cuori, a non abbassare mai la guardia e continuare a spingere il management, che ha la responsabilità della gestione, a fare sempre di più e di meglio, nell’interesse di tutti, e ripeto tutti”, osservava Gilberto Benetton nella prima intervista dopo il disastro al Corriere della Sera.

“Se nel caso di Autostrade sono stati commessi degli errori, quando si sarà accertato compiutamente l’accaduto verranno prese le decisioni che sarà giusto prendere”.

Gilberto Benetton: la famiglia, i fratelli e il patrimonio

I fratelli Benetton sono quattro:

  • Luciano (1935)
  • Giuliana (1937)
  • Gilberto (1941)
  • Carlo (1943, morto a luglio 2018)

I marchi posseduti dalla famiglia:

  • United Colors of Benetton
  • Sisley
  • Playlife
  • Killer Loop

Nel 2013 la rivista Forbes ha inserito i quattro Benetton nella classifica dei più ricchi del mondo con 2 miliardi di dollari ciascuno.

Gilberto Benetton: la moglie e i figli | La vita privata

“Riservato, estraneo ai chiacchiericci salottieri, era uno degli uomini più ricchi e forse più potenti dell’imprenditoria italiana eppure Wikipedia, alle otto e mezzo di ieri sera, prima che il web si riempisse di biografie, qualche parola di rispetto e molte di odio, pubblicava su di lui solo sette righe. Solo sette righe” scrive il Corriere della Sera su Gilberto Benetton, il giorno dopo la sua morte.

“Era stato per anni al vertice della polisportiva che portava il marchio di famiglia e che ha fatto grande Treviso nel rugby, basket e pallavolo e che ha firmato oltre 60 titoli dal 1978 al 2012” scrive la Gazzetta dello Sport.

Nel 2012 era entrato nell’Italia Basket Hall of Fame in qualità di benemerito, alla luce della sua esperienza nel mondo della pallacanestro a Treviso.

Leggiamo sempre da Cinquantamila.it:

“Sposato con Maria Laura Pasquotti, due figlie: Barbara (1969) e Sabrina (1971), membro del cda di Edizione Holding, consigliere di Benetton Group al posto del padre dal 2013, già marketing in Autogrill e responsabile delle campagne pubblicitarie di Kinder Loop e Nordica, poi uscita dal gruppo in seguito alla decisione di affidare l’azienda a manager e non a membri della Famiglia, moglie del commercialista Ermanno Boffa, madre di Carlotta, nata nel 2006″.

Campagna regione lazio