Me

Genova: c’è un nuovo video del crollo del ponte Morandi

Immagine di copertina

La Guardia di Finanza di Genova ha rilasciato un nuovo video relativo al crollo del ponte Morandi.

Il filmato raccoglie le immagini girate delle telecamere di sorveglianza dell’Ansaldo e della ditta Piccardo.

Nella prima parte si vede il viadotto che viene improvvisamente avvolto da una nube.

Nella seconda parte il video mostra alcune auto che transitano sulla strada e, dopo un frame mancante, si vedono l’asfalto del ponte crollato con alcune persone che corrono.

A Genova il ponte Morandi, sull’autostrada A10, è crollato poco prima di mezzogiorno nella mattina di martedì 14 agosto 2018.

Le operazioni di ricerca e recupero delle vittime si sono concluse la mattina di domenica 19 agosto, anche se i vigili del fuoco continuano a operare nella zona.

Il bilancio delle vittime è di 43 morti. Tra loro ci sono bambini di 8, 12 e 13 anni, e sei persone straniere (tre francesi e tre cileni).

Sabato 18 agosto 2018 si sono tenuti i funerali di Stato alla Fiera di Genova nel padiglione Jean Nouvel. A celebrare la funzione è stato l’arcivescovo di Genova, cardinale Angelo Bagnasco.

La Procura di Genova ha iscritto sul Registro degli indagativenti persone e la società Autostrade per l’Italia. Le ipotesi di reato sono omicidio colposo plurimo, disastro colposo e attentato colposo alla sicurezza dei trasporti.

Il Governo ha deciso di revocare la concessione ad Autostrade per l’Italia e ha istituito una commissione d’inchiesta per far luce sulle cause del crollo: la commissione ha concluso che Autostrade era a conoscenza delle degradate condizioni del viadotto ma non fece nulla.

L’esecutivo ha anche emanato il 13 settembre un decreto per la gestione dell’emergenza con aiuti alle famiglie sfollate e alle aziende danneggiate.

L’architetto genovese Renzo Piano ha elaborato una bozza di progetto per la costruzione di un nuovo ponte e l’ha donata alla città.

Il 7 settembre il governatore della Regione Liguria, Giovanni Toti, ha promesso che i lavori saranno terminati entro novembre 2019.