Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Bimbo di tre anni dimenticato nello scuolabus: ritrovato morto dopo ore

Il piccolo Meddy si è addormentato sull'autobus e nessuno si è accorto che, una volta arrivati a scuola, il piccolo non era sceso dallo scuolabus

Immagine di copertina
Il piccolo Meddy è stato dimenticato nello scuolabus e ritrovato senza vita nel pomeriggio. Credit: Getty Images

Un bambino di due anni e dieci mesi anni si è addormentato sullo scuolabus che avrebbe dovuto accompagnarlo a scuola alle otto di mattina, ma nessuno se ne è accorto e quando, dopo circa sette ore, l’autista è andato a riprendere l’autobus e ha trovato il corpicino del piccolo senza vita.

La tragedia è avvenuta a Rivière Pilote, a sud della Martinica, in Francia. Secondo le prime ricostruzioni degli inquirenti, il corpo esanime del piccolo Meddy – questo il nome del bambino – è stato rinvenuto dall’autista dell’autobus nel primo pomeriggio, attorno alle 15.

Nonostante l’uomo, 40 anni, abbia cercato disperatamente di rianimare il piccolo Meddy, a nulla sono valsi i primi soccorsi.

Come accadeva ogni mattina, l’autista anche quel giorno si era recato casa per casa per prendere i piccoli e accompagnarli alla scuola che Meddy frequentava. I genitori hanno aspettato come tutti i giorni che l’uomo arrivasse, gli hanno affidato il loro bambino e hanno visto l’autobus allontanarsi sulla strada.

Nessuno avrebbe mai pensato che il piccolo Meddy quel pomeriggio, al termine delle lezioni, non avrebbe fatto ritorno a casa. Durante il tragitto da casa sua a scuola, pare che il piccolo Meddy si sia addormentato su un sedile dello scuolabus.

Una volta arrivati davanti alla sua scuola a Josseaud, nessuno si è accorto che il bambino di tre anni non era sceso dal mezzo insieme ai suoi piccoli compagni. Meddy non si è svegliato, è rimasto lì sdraiato sul sedile a dormire.

È stato impossibile per l’autista accorgersi che il piccolo non aveva lasciato lo scuolabus come tutti gli altri e così l’uomo ha lasciato l’autobus e ha chiuso le porte. Non l’avrebbe riaperto fino al primo pomeriggio, quando avrebbe ripreso servizio, proprio per riaccompagnare i piccoli a casa.

Attorno alle tre, puntuale come sempre, l’autista si è recato allo scuolabus, ha aperto le porte e ha fatto la tragica scoperta. Il piccolo Meddy era rimasto per sette lunghe ore chiuso in quella scatola di metallo e non ce l’aveva fatta. Gli sforzi dell’uomo di rianimarlo sono stati vani. Forse determinanti sono stati i 35 gradi di quella calda giornata di inizio ottobre.

Sul posto è arrivato il pubblico ministero, René Gaudeul, che ha aperto un’indagine. “Sarà necessario spiegare come un bambino che doveva essere portato a scuola quella mattina sia rimasto per un giorno intero all’interno di un autobus senza che nessuno se ne rendesse conto”, ha detto il pm.