Me
Di Battista contro l’Unione europea: “Funzionari di Bruxelles schiavi dell’alcol”
Condividi su:
di battista Europa
L'esponente del Movimento 5 Stelle ed ex-deputato Alessandro Di Battista

Di Battista contro l’Unione europea: “Funzionari di Bruxelles schiavi dell’alcol”

In un lungo post su Facebook l'esponente 5 Stelle difende il contratto di governo e l'aumento del deficit previsto nella manovra finanziaria

03 Ott. 2018
di battista Europa
L'esponente del Movimento 5 Stelle ed ex-deputato Alessandro Di Battista

In un lungo post su Facebook Alessandro Di Battista interviene sulla manovra finanziaria e i malumori dell’Unione europea sull’aumento del deficit previsto nella Nota di aggiornamento al Def presentata dal governo a fine settembre.

“Gianroberto diceva sempre che alle parole si può credere o meno ma all’esempio si crede per forza”, si legge sul suo profilo.

“Temono la forza dell’esempio questi signori fuori dalla storia, temono la forza dell’esempio, i funzionari di Bruxelles schiavi dell’alcol e dei diktat di Goldman Sachs, temono la forza dell’esempio questi traditori della sinistra e del Popoli colmi di invidia perché ‘noi realizziamo i loro sogni'”.

Nel passaggio “schiavi dell’alcol”, l’esponente dei 5 Stelle sembra riferirsi al presidente della Commissione europea, Jean-Claude Juncker, che in un video di quest’estate durante un vertice Nato barcollava.

Accusato di essere ubriaco, la bufala era stata già smontata: l’ex primo ministro del Lussemburgo soffre di una grave infiammazione cronica al nervo sciatico.

“Questo governo non cederà mai perché la partita è decisiva e non solo in Italia. Qua possiamo dimostrare che esistono altre ricette oltre a quelle formulate dal Fondo monetario internazionale o da Cottarelli, suo seguace ormai star di Fazio e del suo ‘Che tempo che fa…ai Parioli'”.

Nel post Di Battista racconta dei dubbi dei sostenitori 5 stelle dopo il contratto di governo con la Lega, ma rivendica la scelta fatta e accusa i detrattori e i giornali.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus