Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Di Battista contro l’Unione europea: “Funzionari di Bruxelles schiavi dell’alcol”

In un lungo post su Facebook l'esponente 5 Stelle difende il contratto di governo e l'aumento del deficit previsto nella manovra finanziaria

Immagine di copertina
L'esponente del Movimento 5 Stelle ed ex-deputato Alessandro Di Battista

In un lungo post su Facebook Alessandro Di Battista interviene sulla manovra finanziaria e i malumori dell’Unione europea sull’aumento del deficit previsto nella Nota di aggiornamento al Def presentata dal governo a fine settembre.

“Gianroberto diceva sempre che alle parole si può credere o meno ma all’esempio si crede per forza”, si legge sul suo profilo.

“Temono la forza dell’esempio questi signori fuori dalla storia, temono la forza dell’esempio, i funzionari di Bruxelles schiavi dell’alcol e dei diktat di Goldman Sachs, temono la forza dell’esempio questi traditori della sinistra e del Popoli colmi di invidia perché ‘noi realizziamo i loro sogni'”.

Nel passaggio “schiavi dell’alcol”, l’esponente dei 5 Stelle sembra riferirsi al presidente della Commissione europea, Jean-Claude Juncker, che in un video di quest’estate durante un vertice Nato barcollava.

Accusato di essere ubriaco, la bufala era stata già smontata: l’ex primo ministro del Lussemburgo soffre di una grave infiammazione cronica al nervo sciatico.

“Questo governo non cederà mai perché la partita è decisiva e non solo in Italia. Qua possiamo dimostrare che esistono altre ricette oltre a quelle formulate dal Fondo monetario internazionale o da Cottarelli, suo seguace ormai star di Fazio e del suo ‘Che tempo che fa…ai Parioli'”.

Nel post Di Battista racconta dei dubbi dei sostenitori 5 stelle dopo il contratto di governo con la Lega, ma rivendica la scelta fatta e accusa i detrattori e i giornali.