Me
“È meglio che stai muto”, la furiosa lite tra Salvo Sottile e Asia Argento
Condividi su:
Salvo Sottile Asia Argento

“È meglio che stai muto”, la furiosa lite tra Salvo Sottile e Asia Argento

01 Ott. 2018
Salvo Sottile Asia Argento

Ieri sera Asia Argento ospite a “Non è l’Arena” di Massimo Giletti ha raccontato la sua versione dei fatti sul presunto abuso sessuale subito dall’allora minorenne Jimmy Bennett cinque anni fa.

Il pubblico si è quindi diviso tra innocentisti e colpevolisti. Tra questi il giornalista di Rai 3 Salvo Sottile che ha commentato sui social l’intricata vicenda.

“Ma possibile che tutti ti saltano addosso e tu resti immobile? E poi dopo il sesso con uno ci torni a prendere il caffè (Weinstein) e con l’altro, ragazzino infoiato, dopo che si è rivestito dici: dai prendi il copione…Semplice no?”, il tweet.

Poi ancora: “Logica vuole che se uno abusa di me contro la mia volontà dopo il sesso ‘forzato’ non ci faccio un selfie insieme con gli occhi languidi ne ci vado dopo a mangiare. Gli do semmai due calci nel sedere”.

Parole che hanno scatenato la risposta di Asia Argento che – secondo quanto riportato da diversi media e follower – ha insultato il giornalista su Twitter dove in dialetto siciliano (la Sicilia è la regione di provenienza di Sottile, ndr) avrebbe scritto: “Pacchiu di tu soru”. Tweet poi cancellato.

Finita qui? No, affatto. Nella notte infatti l’Argento avrebbe mandato un sms (via WhatsApp) a Sottile: “Mi sono svegliata solo per dirti questo prima di bloccarti anche sul cellulare: E’ megghiu ca ti stai mutu, cugghiuni”, le sue parole in dialetto siciliano.

Sms reso pubblico dal popolare giornalista che ha pubblicato su Twitter lo screenshot.

“Cara Asia Argento non ho accusato ne insultato nessuno – le sue parole -, ho sentito la tua intervista e ho scritto un mio pensiero che era a difesa delle donne molestate. Non mi spaventano le tue minacce ne quelle pubbliche ne quelle private.Per il resto ti auguro di tornare a XFactor”.

Salvo Sottile Asia Argento

Fine? Vedremo.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus