Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Manifestazione del Pd a Roma: quante persone c’erano in piazza del Popolo

Secondo i dirigenti del Pd almeno 70mila, ma i numeri dovrebbero essere inferiori

Immagine di copertina
La manifestazione di domenica 30 settembre del Pd a piazza del Popolo, Roma

Sono migliaia i militanti del Partito Democratico che si sono riuniti, domenica 30 settembre, in piazza del Popolo a Roma, per partecipare alla manifestazione contro il governo Movimento 5 stelle e Lega. Secondo i dirigenti del Pd c’erano almeno 70mila persone, ma la cifra complessiva dovrebbe essere più bassa: 40-50 mila persone al massimo.

Treni speciali e e duecento pullman sono arrivati da tutta Italia. Piazza del Popolo misura all’incirca tra i 14 mila e 16 mila metri quadrati. Al massimo della sua capienza, senza palchi né transenne, in piazza possono entrare tra le 56mila e le 62 mila persone contandone circa 4 persone a metro quadrato.

Per la manifestazione erano stati allestiti il palco, il retropalco e 5-6 gazebo, oltre allo spazio transennato intorno all’obelisco Flaminio e le aree di decompressione.

Il momento di maggiore affluenza è stato nell’ultima parte della manifestazione, quando sul palco è salito il segretario Maurizio Martina.

Calcolando lo spazio rimasto disponibile, il Pd è riuscito a portare in piazza tra le 40mila e le 50mila persone.

“Da questa piazza io voglio dire a tanti elettori del centrosinistra che il 4 marzo non ci hanno votato: abbiamo capito – ha detto Maurizio Martina dal palco – Adesso, però, ci date una mano perchè l’Italia non può andare a sbattere per colpa di questi che governano in modo folle. Abbiamo capito la lezione, voltiamo pagina, guardiamo avanti. L’antidoto a tutto questo siete voi. Avete dato una lezione a tutti noi”.

“Questa e la piazza del risveglio democratico, è la piazza della speranza, del cambiamento, della fiducia, dell’orgoglio, del futuro”, ha aggiunto, felice per avere scongiurato il flop pronosticato da Salvini che aveva parlato di “quattro gatti”.

“Se avete a cuore la sicurezza e la democrazia dimostrate di voler combattere la xenofobia e il razzismo. Altro che andare a cena con qualche organizzazione che andrebbe chiusa. Noi siamo figli della Resistenza e non ce lo dimentichiamo”, ha detto Martina, riferendosi alla fotografia circolata nei giorni scorsi che ritraeva Matteo Salvini a tavola con esponenti di CasaPound.

Matteo Renzi, ex segretario e sentore del Pd, arrivato in piazza del Popolo ha salutato con un abbraccio Martina e Gentiloni.