Me

Musica, è morto Charles Aznavour: aveva 94 anni

Charles Aznavour era un cantautore e attore francese di origini armene

Immagine di copertina
Charles Aznavour

Il primo ottobre 2018 è morto il musicista Charles Aznavour, autore di importanti brani che hanno segnato la storia della musica.

Nato a Shahnourh Varinag Aznavourian il 22 maggio 1924 a Parigi da genitori armeni fuggiti dal paese a causa del genocidio, Charles Aznavour si è spento all’età di 94 anni.

Stava tornando dal Giappone dopo aver interrotto nuovamente il suo tour questa estate a causa di una frattura ad un braccio.

Charles Aznavour, 94 anni, era un cantautore e attore di origini armene: famose le sue collaborazioni con Mia Martini e Laura Pausini.

Aznavour era stato scoperto da Edith Piaf ed era conosciuto per la sua voce del timbro roco. Tra i suoi successi si ricorda “L’istrione”.

Il cantautore è stato anche insignito della Legione d’Onore per il lustro dato alla Francia ed è stato ambasciatore dell’Armenia in Svizzera dal 12 febbraio 2009, dopo essere diventato Eroe nazionale nel 2004.

Aznavour cantava in sei lingue e nel corso della sua carriera ha venduto oltre 300 milioni di dischi nel mondo.

Tra le sue più grandi canzoni si annoverano “La Boheme”, “La Mamma” o “Take me”, ma il cantautore era noto anche per aver composto per Juliette Greco, Gilbert Becaud e Edith Piaf, che lo ha sempre sostenuto fino a considerarlo uno dei suoi “quattro punti cardinali con Charles Trenet, Constantin Stanislavski e Maurice Chevalier”.

Tra le sue canzoni più famose “She” del 1974 e “For me formidable”.

Aznavour fu premiato con una stella sulla Hollywood Walk of Fame nel 2017.

Oltre alla sua carriera da musicista, Aznavour è anche noto per le sue performance di attore: ha partecipato a oltre 60 film e ha esordito come protagonista nel 1959 nel film “Dragatori di donne (Les Draguers)” di Jean-Pierre Mocky.

Nel 1960 ha recitato in “Tirate sul pianista” di François Truffaut, oltre ad aver partecipato ai film “…e poi, non ne rimase nessuno” nel 1974 e ad “Ararat”pellicola del 2002.